Oltre 100 proposte culinarie per lo Street Food Time a Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Street_Food“Street Food Time” dal 9 all’11 settembre in piazza Giuseppe Mazzini a Salerno. Un appuntamento con la gastronomia di qualità da non perdere ideato e organizzato dalla Blunel in collaborazione con l’associazione di promozione territoriale ToSalerno e con il patrocinio del Comune di Salerno e di Salerno Mobilità. Lo street food è una realtà gastronomica viva e creativa fatta di gente accomunata dall’orgoglio di conservare una tradizione dal sapore familiare. I produttori di cibo di strada sono artigiani che esprimono appieno i valori dell’Italia più vera e autentica.

I concetti di fast, cheap, gourmet, design e spirito on the road si incontrano nelle vere e proprie cucine itineranti, offrendo al pubblico un’esperienza gastronomica unica, assolutamente innovativa e in linea con uno stile di vita giovanile e al passo coi tempi. Ricerca della qualità, piacere di avere un contatto umano e schietto con i clienti, voglia di mantenere vivi i rapporti con il proprio territorio e la sua storia, utilizzo di prodotti agricoli genuini, uso di ricette tramandate di generazione in generazione, questi gli elementi che caratterizzano i cultori del cibo di strada, consapevoli che esistono nelle nostre città, “paesaggi culturali” da difendere e conoscere.




“Street Food Time” è un Festival interessante, stuzzicante, appetitoso, succulento, in cui il “savoir faire” italiano si innesca sulla cultura del prodotto, della terra, della storia. Nel 2016 il tour “Street Food Time” ha toccato le maggiori città di Abruzzo e di Puglia e giunge in Campania grazie alla preziosa collaborazione con l’Agenzia To Salerno fortemente attiva sul territorio a attenta alla promozione e allo sviluppo turistico della città.

L’evento di Salerno ospiterà 20 food truck per oltre 100 proposte culinarie, provenienti da ogni regione d’Italia, capaci di soddisfare le esigenze culinarie più disparate, dall’aperitivo al dolce passando per primi piatti, secondi, contorni e formaggi. Numerose postazioni occupate da carretti, apette, roulotte degli anni ‘60 e camioncini vintage daranno vita a tre giornate davvero gourmet durante le quali l’Italia culinaria si incontrerà a Salerno per deliziare tutti i palati, anche i più esigenti.

Per tre giorni il pubblico potrà sperimentare prelibatezze di ogni sorta, disponibili per ogni pasto: colazione, pranzo, merenda, aperitivo e cena fino allo spuntino della mezzanotte. I fornelli si accenderanno alle ore 11.00 e si spegneranno a tarda notte (eccezion fatta per il primo giorno che prevede il taglio del nastro alle ore 18.00).

L’area del festival sarà la patria del cibo di qualità, in cui la tradizione e la varietà degli alimenti di strada italiani incontrano la creatività e la personalità di giovani appassionati che alle cucine super-accessoriate dei ristoranti hanno preferito camioncini e spazi all’aperto come regno dove dare sfogo alla loro arte culinaria.

 “Street Food Time” è un mondo tutto da scoprire e da preservare, in cui viaggiare per conoscere

Di  seguito un piccolo assaggio:

Friuli Venezia Giulia: cervo in salmì con polenta, cartoccio di salsiccette friulane e chips, prosciutto doc San Daniele con grissini artigianali, “frico” con la polenta;

Emilia Romagna:Gnocco Fritto” farcito con culatello, prosciutto di Parma e mortadella bolognese;

Toscana: hamburger di chianina e cinta senese;

Umbria: tiramisù espresso, biscottoni al Sagrantino, tortine farcite, gelato alle creme;

Roma: polpette romane, mozzarelline fritte;

Marche: olive ascolane, crema fritta ascolana, cartocci di pesce fritto, pesce alla piastra, polpettine di pesce;

Abruzzo: “arrosticini” artigianali di fegato e di carne, hamburger di pecora, “bruschettoni” con pomodorini e salumi dei parchi;

Molise: Hamburger di carne 100% molisana e verdure dell’orto a Km 0

Campania:cuoppo” campano, mozzarella di bufala, “crocchè”, “zeppole”, paccheri fritti ripieni di melanzane e mozzarella di bufala campana, sfogliatelle napoletane. Sarà con noi, con il suo nuovissimo food truck, Vitantonio Lombardo, chef stellato titolare del celebre ristorante “Locanda Severino” di Caggiano (SA) che proporrà rielaborazioni creative ed innovative del tradizionale “panuozzo”;

Puglia: Striscette di carne di cavallo con stracciatella di Andria e pomodori secchi pugliesi, “bombette di Cisternino”, panino col polpo e vincotto di fichi, “pettole”,  cartoccio di polpettine di pane di Altamura con canestrato pugliese e salamella artigianale, panino con salsiccia pugliese a punta di coltello con crema di olive celline e caciocavallo, orecchiette con le cime di rape;

Salento: patata novella di galatina al vin cotto balsamico, olio extra vergine di oliva e curry, “pittule”;

Sicilia: “pane e panelle”,panastik” in cartoccio, “arancine”,” cassatine”.

Cucina dal Mondo:

Stati Uniti – Hamburger e hot dog, BBQ americano con 12 ore di affumicatura: Pulled Pork, ribs, beef;

Sud America – “Churros” farciti con crema alla nocciola e “dulce de leche”.

Il tutto sarà accompagnato dalle birre rigorosamente artigianali di 6 birrifici: Birrificio Arechi di Salerno, Birrificio Artigianale Karma di Alife (CE), Birrificio Artigianale Okorey di Mariglianella (NA), Birrificio Artigianale La Fortezza di Civitella Del Tronto (TE), Birrificio Artigianale Mad Hopper di Montebello Di Bertona (PE), Birrificio Artigianale Terre D’Acquaviba di Atri (TE).

E poi tanta musica e tanto intrattenimento in tutte e tre le giornate.

L’ingresso all’evento è gratuito.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. sarà il fatto che ha toccato le MAGGIORI CITTA’ DI ABBRUZZO E PUGLIA ma a me pare il famoso “stasera abbiamo con noi niente di meno che il fratello di parascandolo!”

  2. Vi consiglio di non andare, ho visto i prezzi, un panino (rosetta piccola) con una semplice hamburger che vengono nei supermercati (in genere 2 Hamburger costano 1,20 euro) e una foglia di lattuga costano minimo “6 euro”…ho visto il prezzo di un pasticcino tipico del Salento (identici a quelli che si vendono nelle pasticceria campane con crema e l’amarena al centro) costare 3 euro!! mentre nelle pasticcerie a Salerno le trovi pure a 0,70 centesimi o massimo 1 euro…..non parliamo di cuoppi di alici fritte costo 6 euro dentro ci saranno al massimo 200 grammi di alici e nemmeno fresche, con 6 euro ti compri 1 kg di alici e ci mangiano comodamente 6/7 persone….se vi piace buttare i soldi fatelo pure

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.