Fonderie Pisano: presidio dei lavoratori davanti il Tribunale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
tribunale_salernoUna rappresentanza di operai delle Fonderie Pisano, lo stabilimento salernitano che dovrà essere delocalizzato dal quartiere Fratte, in mattinata si riunita dinanzi il Tribunale di Salerno, sede anche della Procura della Repubblica. La decisione è arrivata dopo che mercoledì nel corso di una assemblea, Maurizio Marcelli della segreteria nazionale Fiom ha attaccato la magistratura che “per una violazione puramente amministrativa ha il dovere di dissequestrare l’impianto”.

“La moglie di un lavoratore, Angela Petrone – spiega Anselmo Botte, segretario Cgil Salerno – è stata ricevuta questa mattina dal presidente del Tribunale di Salerno, Giovanni Pentagallo, il quale gli ha rivolto parole di solidarietà assicurandole che sta seguendo con attenzione la vertenza. Noi frattanto stiamo andando in Regione dove discuteremo se poter adottare la cassa di integrazione straordinaria o quella in deroga”. Intanto, il sindaco di Campagna Roberto Monaco continua a ribadire il suo diniego ad ospitare la struttura, nonostante, sempre ieri, lavoratori e sindacalisti si siano detti disposti ad illustrare al primo cittadino “che non vi sarebbero danni ambientali in quanto l’impianto sarebbe costruito rispettando le più moderne tecnologie”.




Da ieri, infatti, Monaco ha allestito un gazebo dove ha incontrato fino a tarda sera i cittadini nell’area dell’ex RDB dove, appunto, dovrebbero essere delocalizzate le Fonderie. “Comprendo – ha detto all’ANSA – le ragioni dei 120 lavoratori ma non posso pensare che quello stabilimento venga costruito qui da noi, per di più in una zona che è l’ingresso della città, il nostro biglietto da visita di Campagna e dell’intera Piana del Sele. Loro si debbono occupare del destino di 120 persone, mentre io devo seguire quello di 17mila persone. Questo percorso non andava intrapreso ora; per evitare contrasti e contrapposizioni, andava fatto prima e noi dovevamo essere invitati al tavolo tenutosi al Mise”. Questa mattina, inoltre, il primo cittadino ha incontrato alcuni consiglieri provinciali di minoranza per discutere della vicenda e, sempre oggi, tornerà al suo gazebo per continuare la sua battaglia.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.