Una giornata sulle tracce della lontra nell’oasi di Persano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
wwf_oasi_persanoIncontrare e conoscere la Lutra Lutra, lontra eurasiatica, e i luoghi in cui vive. L’Ente Riserve Naturali Foce Sele Tanagro e Monti Eremita Marzano con la commissaria architetto Maria Gabriella Alfano, organizza, per sabato 8 ottobre, dalle 9 alle 18, una giornata di visita ad un tratto fluviale del fiume Sele, preceduto da una lezione teorica e da un dibattito nella sede dell’Oasi Wwf di Persano, che collabora con l’iniziativa.

L’idea è quella di monitorare lo stato di protezione legale e di conservazione della lontra, in riferimento al contesto italiano e la giornata è riservata alle Guardie Ambientali Volontarie dell’Ente Riserve e a quelle del Wwf. I relatori saranno Romina Fusillo e Manlio Marcelli, ecologi animali specialisti della lontra.




Alle 14,30, alla presenza della Commissaria Alfano e del responsabile  dell’Oasi Remigio Lenza, comincerà la visita, dalla stazione di servizio Campagna Ovest sulla A3. La passeggiata servirà soprattutto a capire come riconoscere segni di presenza di lontra, come gli escrementi o le impronte; dove cercare i segni; come muoversi lungo il corso d’acqua; quale tratto perlustrare, quale distanza percorrere; come misurare la distanza percorsa; quali dati raccogliere, cosa osservare.

La lontra eurasiatica è un carnivoro notturno ed elusivo con un precario stato di conservazione a livello nazionale. I metodi per studiare la specie, valutarne lo stato di conservazione e il suo andamento nel tempo, privilegiano tecniche indirette basate sulla ricerca di segni di presenza, in particolare dei tipici escrementi chiamati spraint.

Il corso intende introdurre i partecipanti ai metodi indiretti utilizzati dai ricercatori per monitorare la lontra, ai dati che possono produrre e al loro utilizzo per rispondere a quesiti ecologici, ma anche per informare le azioni di conservazione e ottemperare agli obblighi della legislazione europea.

“Siamo convinti – ha detto la Commissaria dell’EnteMaria Gabriella Alfano – che la  conoscenza dello straordinario habitat  della Riserva Naturale del Sele Tanagro sia fondamentale per ogni azione di tutela e di valorizzazione dell’area protetta”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.