Istigazione al voto di scambio, Governatore De Luca indagato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
32
Stampa
de-luca-immaginiC’è una ipotesi di reato, istigazione al voto di scambio, nel fascicolo aperto dalla Procura di Napoli sulle dichiarazioni espresse dal governatore della Campania, Vincenzo de Luca, nel corso di un incontro con circa 300 amministratori locali ai quali chiedeva di darsi da fare per far votare sì al referendum costituzionale dello scorso 4 dicembre. E’ quanto si legge su organi di stampa ed in particolare sul quotidiano Il Mattino oggi in edicola.

“Mandatemi fax con numeri realistici dei voti per il Sì. Fate il porta a porta e non pensate ad altro”, aveva detto il presidente della Regione Vincenzo De Luca alla platea di 300 sindaci riuniti all’hotel Ramada il 15 novembre scorso, alla vigilia del referendum sulla riforma costituzionale. Un monologo di 25 minuti, condito dalla ormai celebre frase sulla “clientela organizzata, scientifica, razionale come Cristo comanda” attribuita a uno dei presenti, il primo cittadino di Agropoli Franco Alfieri, che il governatore ha sempre liquidato, anche ieri durante il dibattito in consiglio regionale, come semplici battute.

Ma su quell’incontro, dopo la pubblicazione degli audio sul Fatto Quotidiano, adesso la Procura vuole vedere chiaro. Il pm Stefania Buda ha iscritto il fascicolo con l’ipotesi di istigazione al voto di scambio. Un passaggio che, dopo una prima fase in cui si procedeva per “fatti non costituenti notizie di reato”, consente agli inquirenti di avviare accertamenti più approfonditi.




Il pm Buda ha sentito ieri il primo testimone, il giornalista Paolo Russo, apprezzato portavoce del governatore che era al suo fianco durante la riunione. Altri saranno convocati nei prossimi giorni, a cominciare presumibilmente da uno dei figli di De Luca, Piero, coordinatore regionale dei comitati per il Sì al referendum. Dunque la posizione del presidente della Regione appare più che mai al vaglio dei magistrati, che lo hanno iscritto, come atto dovuto, nel registro degli indagati.

Una “battuta goliardica”, l’ha definita ieri De Luca in Consiglio regionale della Campania, dove si è discussa una mozione di sfiducia presentata dall’opposizione di centrodestra, poi respinta dall’aula. A essere sentito dal pool della Procura di Napoli, il portavoce di De Luca, Paolo Russo, che era presente a quell’incontro. Al vaglio degli inquirenti ci sarebbe anche un altro aspetto: il ruolo di commissario in pectore alla sanità campana con cui De Luca si presentò alla platea; il riferimento ai laboratori (“ci sono 400 laboratori, sono tanti voti”) come agli studi professionali sarebbe stato fatto non a caso.

L’obiettivo è verificare se all’ombra dell’incontro dell’hotel Ramada possa essere configurata una violazione delle normative a tutela del voto. E questo non tanto o non solo per quella esortazione rivolta ad Alfieri, invitato a portare elettori alle urne la metà dei suoi concittadini, “vedi tu come Madonna devi fare, offri una frittura di pesce, portali sulle barche, sugli yacht, fai come cazzo vuoi tu, ma non venire qui con un voto in meno di quelli che hai promesso”, ma anche per quel riferimento ai “fax con numeri realistici” chiesti ai sindaci presenti in platea ma comunque, secondo quanto emerso dalle prime verifiche, mai poi realmente inviati.

Il pm Buda, del pool coordinato dal procuratore aggiunto Alfonso D’Avino, ha delegato alla Guardia di Finanza tutte le verifiche necessarie a ricostruire un caso che ha infiammato il clima politico regionale e nazionale. All’indomani della diffusione degli audio, il Movimento 5 Stelle aveva presentato un esposto un Procura. E la vicenda ha fatto irruzione nel dibattito sulla mozione di sfiducia che si è svolto ieri in consiglio regionale. De Luca ha risposto con il solito eloquio graffiante, parlando di “una campagna d’opinione su una battuta goliardica, roba che l’attentato alle Torri Gemelle ebbe meno paginate sui giornali. Vergognatevi, volete la paralisi della Campania”.

Quindi ha aggiunto: “Siccome sentivo poco entusiasmo per il referendum, ho detto fate appello alla gente, magari offrendo una cena, un viaggio. Ma non vi vergognate? La Regione non dovrebbe essere gettata nella paralisi per una battuta goliardica. Si è fatto appello ai sindaci per il porta a porta. E quale doveva essere l’appello di fronte a un referendum che non suscitava entusiasmo? Stiamo parlando di banalità. C’è da vergognarsi, in Italia, per aver trasformato una battuta per la quale si sorrideva al termine di una riunione in un problema di democrazia. Il vero voto di scambio – ha concluso – è quando si fanno nomine al termine della legislatura. Quello è voto di scambio”.

 

IERI IN REGIONE: VIDEO DE LUCA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

32 COMMENTI

  1. Gli uomini delle Fiamme Gialle hanno acquisito tutti i documenti relativi ai primi cinque mesi di governo della sindaca grillina
    Che le nomine di Virginia Raggi fossero sotto la lente d’ingrandimento della Procura era cosa nota. Ma ieri, secondo quanto riferito dal quotidiano La Repubblica, l’inchiesta ha fatto un passo avanti. Infatti gli uomini della Guardia di Finanza si sono presentati a Palazzo Senatorio per acquisire tutti i documenti relative alle assunzioni effettuate dalla sindaca di Roma. Una mole di atti, portata via in una serie di scatoloni, che verrà ora messa a disposizione dell’autorità giudiziaria.
    Dopo l’esposto presentato in Procura dall’ex capo di Gabinetto Carla Romana Raineri, ancora senza indagati né ipotesi di reato, questa perquisizione potrebbe portare nuovi risvolti nell’inchiesta ed entrare nel fascicolo che la Procura ha aperto.

    Ancora nessun commento da parte del Campidoglio sulla vicenda, né richieste di chiarimenti da parte delle opposizioni.

  2. x Quel tipo Vergogna grillini a Roma 13:18

    Lei giovanotto di Salerno non conosce nulla delle realtà politiche della mia città Roma.La nostra sindaca Raggi ha rotto tutto il vecchio status quò e per questo e odiata da tutti i tromboni e i parassiti della vecchia politica romana,ma è molto amata dal popolo di Roma.Il M5S è il primo partito della capitale.Tutto quello che vedi di negativo di Roma è il prodotto pessimo della vecchia politica che la sindaca Raggi ha trovata e deve ripulire.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.