Lascia tutta l’eredità alla badante, per il giudice è un raggiro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Circonvenzione di incapace. Con questa accusa una badante bulgara di 63 anni,  Niholova Nella Stoyanova, è stata condannata a due anni, in abbreviato, dal gup Elisabetta Boccassini. La donna, secondo l’accusa, avrebbe avuto in eredità da una anziana 90enne di San Cipriano, grazie a falsi testamenti, un appartamento e alcuni conti correnti per un totale di circa 150mila euro. I testamenti sono stati ritenuti frutto di una circonvenzione di persona incapace

Un raggiro ordito per entrare in possesso dei beni dell’anziana, che non aveva né figli né altri parenti che potessero reclamarne l’eredità. Ne avrebbe così tradito la reale volontà, espressa in un documento antecedente in cui chiedeva che dopo la sua morte tutti i suoi averi fossero utilizzati per la costruzione di un centro per ciechi che portasse il suo nome.

L’inchiesta parte nel 2014, un anno dopo la morte dell’anziana. È la Stoyanova a rivolgersi alla magistratura, denunciando che l’avvocato (cointestatario con la deceduta di un conto corrente bancario) si rifiutava di svincolare il denaro e di consegnare a lei l’intera somma depositata sul conto. L’uomo, difeso dall’avvocato Michele Tedesco, aveva contestato già allora l’autenticità del testamento che attribuiva alla donna tutti gli averi dell’anziana, ma quando nei suoi confronti fu formulata richiesta di archiviazione del procedimento l’ex badante si oppose  ritenendo che il professionista (ieri assolto dalle accuse) le avrebbe sottratto, attraverso un falso testamento, dei beni che, di fatto, avrebbe dovuto avere lei in eredità.

Ma il contenuto della denuncia e le accuse lanciate dalla donna in sede di udienzapreliminare quando le due parti si presentarono per discutere la richiesta di archiviazione della Procura nei confronti dell’avvocato civilista, insospettirono il gup che chiese una proroga d’indagine sospettando una circuizionedi incapace.   Fino a ieri quando, nel caso della donna, è stato accertato che la donna avrebbe indotto l’anziana, vivendo in casa con lei, a firmare quei testamenti e a convincerla a lasciarle tutti i beni. Ma soprattutto approfittando del fatto che la donna anziana, nell’ultimo periodo non era molto lucida

Fonte Il Mattino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.