Il Consiglio di Stato dice ‘no’ alle Fonderie Pisano a Giffoni Valle Piana

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La Fonderia Pisano non potrà essere realizzata a Giffoni Valle Piana. Il Consiglio di Stato si è definitivamente pronunciato sull’appello alla sentenza di primo grado, presentata dalla società di Fratte che è stata, tra l’altro, condannata anche al pagamento di 6 mila euro di spese legali. Lo scrive Andrea Pellegrino sul quotidiano Le Cronache oggi in edicola.

La famiglia Pisano, secondo la ricostruzione della vicenda, aveva individuato dei suoli a Sardone per la delocalizzazione dell’impianto di Fratte. Anzi, con un compromesso, aveva opzionato il terreno per la costruzione della nuova Fonderia. Ma l’opposizione dell’amministrazione comunale ha avuto la meglio sia al Tar di Salerno che, ora, in Consiglio di Stato, chiudendo così, definitivamente, la partita.

Secondo i giudici amministrativi, il Comune di Giffoni Valle Piana si è mosso secondo le norme: «L’Amministrazione – si legge nella sentenza – ha debitamente risposto all’istanza così come formulata, segnalando “l’improcedibilità” della richiesta, non rientrando il progetto nelle specifiche attività in relazione alle quali soltanto è consentita, dalla delibera giuntale numero 163 del 9 ottobre 2013, la possibile emanazione di varianti allo strumento urbanistico vigente, nelle more dell’elaborazione del Puc».

Ed, inoltre, chiariscono: «La realizzazione di un complesso produttivo da parte di un privato non può, infatti, qualificarsi come “opera pubblica o di interesse pubblico”, essendo tali categorie giuridiche riservate ad iniziative teleologicamente tese alla soddisfazione diretta ed immediata di interessi pubblici (quali scuole, ospedali, caserme, strade), laddove quella in esame è ontologicamente funzionale allo scopo lucrativo della società istante ed ha solo indirette e mediate ricadute positive per la collettività (incremento delle prospettive occupazionali, cui peraltro possono far fronte speculari esternalità negative, quali l’aumento dei livelli di inquinamento e del traffico veicolare, specie pesante). Di converso, le delibere giuntali impugnate non contrastano con il regolamento regionale». Chiusa la possibilità di Giffoni Valle Piana, per i Pisano non restano gli altri siti individuati ed al vaglio delle rispettive amministrazioni. Negli ultimi tempi pare che stia prendendo quota l’ipotesi Battipaglia.

Fonte Le Cronache articolo di Andrea Pellegrino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.