Battipaglia ricorda il poeta Italo Rocco

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il prossimo 21 marzo, in coincidenza con l’arrivo della primavera, giorno fissato dall’UNESCO per sottolineare il valore dell’espressione poetica come mezzo di trasferimento della memoria, nonché espressione di dialogo tra le varie culture del pianeta, Battipaglia, nella sala conferenze di Palazzo di Città, con inizio alle ore 17,00 ricorderà un suo figlio illustre: Italo Rocco.

All’evento prenderà parte, con un saluto, anche al sindaca di Battipaglia Cecilia Francese. Previste le testimonianze di Alfonso Andria, di Alberto Granese e Annalisa Giancarlo, dell’ex sindaco Enrico Giovine, di Mario Mello e di don Ezio Miceli. A coordinare la manifestazione Gabriella Pastorino.

Nato ad Ottati, negli Alburni, si trasferisce a Battipaglia con il matrimonio nel 1942, restandovi sino alla morte. I germi della sua vocazione editoriale si manifestano con un saggio edito nel 1947 dalla Tipografia Pizzuti nel 1947 sul sistema penale dantesco. L’impegno di docente, la militanza politica, la responsabilità nell’Azione Cattolica non gli danno la serenità di dedicarsi alla lirica ed all’attività editoriale.

Negli anni 60 con la presidenza della Scuola Media di Capaccio, all’ombra del Getsemani, della Madonna del Granato e delle vestigia dell’antica Paestum parte la produzione lirica con “Palpito della terra” (1964), cui segue “Segreto richiamo”, “Ed aperte le braccia”, “Quartiere di periferia” ed “Ascolto il palpitare della sera”, Le raccolte sono presto esaurite, molte liriche sono inserite in antologie scolastiche, giungono i primi allori e riconoscimenti nazionali ed internazionali.

La produzione viene ristampata nel 1972 con il primo volume de “Il Canto dell’Umanità”, cui segue il secondo nel 1995 ed il terzo viene presentato postumo alla Mostra di Oltremare di Napoli un mese dopo la morte nel dicembre 1999.

Nel 1965 fonda la rivista cui dà il nome di “SILARUS”, dedicando le sue energie intellettive sino al numero 207 ed abbinando ad essa il Premio letterario di poesia, narrativa e saggistica. Sia la rivista (oggi giunta al numero 309) che il Premio (arrivato alla quarantanovesima edizione) vengono oggi continuate dai figli Lorenza, Pasquale e Pietro.

La poesia di Italo Rocco e la rivista hanno avuto il merito di portare il nome della nostra cittadina all’attenzione degli ambienti culturali nazionali ed esteri. La poesia verte sul tema centrale dell’essenza della vita, che è un continuo percorso che vede come connotazione centrale l’insegnamento evangelico dell’amore verso i fratelli, tendendo alla pace tra tutti i popoli.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.