Torna la rassegna “Ebolitani Illustri”, si celebra la figura di Matteo Ripa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Intorno al secondo appuntamento della rassegna “Ebolitani Illustri” si registra la partecipazione dei livelli istituzionali, scolastici, culturali ed imprenditoriali della città. Nel doppio appuntamento in programma il 29 ed il 30 marzo, dedicato alla figura di Matteo Ripa, ebolitano missionario del XVIII secolo della Congregazione de Propaganda Fide, incisore in Cina alla corte dell’Imperatore Kangxi e fondatore del “Collegio dei Cinesi” oggi Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, Comune, scuole, associazioni ed imprenditori ribadiscono una partecipazione dell’intera città, mai attiva come negli ultimi due anni nelle occasioni di promozione culturale, turistica ed economica di Eboli.

Il doppio appuntamento di Eboli è organizzato dal Comune, con l’alto patrocinio del MiBACT ed in collaborazione con Weboli. Un’occasione irrinunciabile di promozione della città, come ha sottolineato Vito Leso, in occasione della presentazione di questa mattina in Municipio, che con Weboli ha curato l’organizzazione: «La Cina è il più importante mercato del turismo su scala mondiale e la storia di quel Paese porta innanzitutto a Napoli, sede dell’Istituto orientale fondato da Matteo Ripa. Eboli è vicina a Napoli, dobbiamo solo mettere in campo forme di attrazione e capacità di accoglienza. E’ un bene che ci sia quest’ampia partecipazione, a cominciare dalle scuole, che giungono all’appuntamento attraverso un precorso di preparazione capace di interessare alunni e studenti, a cominciare dalla scuola Matteo Ripa».

L’adesione all’iniziativa delle scuole è un vanto per l’assessore all’istruzione, Angela Lamonica: «Siamo soddisfatti della partecipazione, perché gli alunni, grazie all’incontro con don Alfonso Raimo, avranno la possibilità di conoscere uno straordinario ebolitano come Matteo Ripa». Sulla partecipazione delle scuole ha fatto un passaggio anche il sindaco, Massimo Cariello: «La presenza delle scuole indica come non si tratti di un semplice evento. Si tratta di storia e cultura della nostra città, in quest’occasione coniugate con turismo e promozione del territorio.

Ad Eboli sarà presentato il trailer del documentario su Matteo Ripa, un’altra occasione per mettere in vetrina la città. Voglio sottolineare la presenza prestigiosa di Giancarlo Dall’Ara, autentica autorità nel campo della cultura del turismo, che si interessa ad Eboli, e di Michele Fatica, docente presso L’Orientale di Napoli, e con il patrocinio del MIBACT. Eboli cresce sempre di più e registra una partecipazione sempre più ampia, a testimonianza di come la programmazione culturale e turistica della città segua i canali giusti».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.