Blasfemia e cattivo gusto in un locale di Salerno, la denuncia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
Una locandina pubblicitaria per invitare a una serata gay al Bar Verdi di Salerno. Fin qui nulla di strano. La polemica è nata perché la locandina in questione prende spunto dal celebre dipinto raffigurante “L’ultima cena”. Solo che qui, al posto del Cristo e degli apostoli, vi sono raffigurati uomini a torso nudo, alcuni dei quali mentre si baciano. Questo ha scatenato alcune reazioni del mondo politico.

“Mentre è ancora caldo il sangue dei Cristiani massacrati in Egitto per mano assassina, Salerno si prepara a fare strage di rispetto e buon gusto. E così, nel giorno dei Sepolcri, giovedì Santo, qualche blasfemo animatore della vita notturna giovanile ha pensato bene di organizzare in un noto locale salernitano del Parco Arbostella un evento “L’ultima cena” per strumentalizzare le immagini e le ricorrenze sacre. Una serata che ha come immagine di richiamo una scena in cui si ritrae Gesù Cristo in un’ultima cena gay”. Lo scrive Raffaele Adinolfi del Popolo della Famiglia

“Le parole riportate dall’organizzatore sulla sua pagina Facebook “non siamo blasfemi…. ma alternativi” ci sembrano incomprensibili. A noi del Popolo della Famiglia sembra che le immagini siano offensive ed alternative solo ad un cosa: il buon gusto. Sarebbe bello se proprietari e gestori annullassero la serata in segno di rispetto dell’intera comunità e delle sue tradizioni. Quel rispetto che le minoranze richiedono ma che spesso non sono disposte a concedere. Noi del Popolo della Famiglia possiamo solo manifestare pubblicamente il nostro sdegno ed invitare tutti i salernitani: credenti e non credenti, a fare altrettanto.

L’avvocato Fabio Mammone, vice coordinatore cittadino di Forza Italia Salerno ha chiesto “l’annullamento della serata di giovedì sera”. Secondo Mammone “gli organizzatori non sono né blasfemi, né alternativi ma semplicemente fuori luogo ed irriguardosi. Sono certo – aggiunge – interverranno i titolari del locale e le istituzioni della città. Ci sono gli estremi per farlo. La religione cristiana nulla ha da spartire con le istanze gender. Chiedere rispetto per la propria libertà vuole dire dare attenzione anche a quella degli altri”.

A condannare questa scelta pubblicitaria ci ha pensato anche Raffaele Adinolfi, il quale da Facebook dice: “Mentre è ancora caldo il sangue dei Cristiani massacrati in Egitto per mano assassina, Salerno si prepara a fare strage di rispetto e buongusto. Qualche blasfemo animatore della vita notturna giovanile – aggiunge – ha pensato bene di organizzare un evento “L’ultima cena” per strumentalizzare le immagini e le ricorrenze sacre.

Una serata che ha come immagine di richiamo una scena in cui si ritrae Gesù Cristo in un’ultima cena gay. A noi del Popolo della Famiglia sembra che le immagini siano offensive. Sarebbe bello se proprietari e gestori annullassero la serata”.

Non ci sta, a questi attacchi l’organizzatore della serata, Emanuele Avagliano, che all’Ansa spiega così il gesto: “Innanzitutto il locale non è responsabile della comunicazione che, invece, è stata curata da noi. Per quanto riguarda la locandina non è stata assolutamente pensata in un’ottica di offesa. Io sono cresciuto con questa religione e sono praticante. Mai mi sognerei di offendere i valori cristiani nei quali credo.

Non tollero, però, che altre persone, semmai per una visibilità politica, utilizzino questa situazione. Forse Adinolfi ha bisogno di avere visibilità politica per il futuro e quindi sta strumentalizzando questo recente episodio. Determinate persone pensassero a fare la politica in modo serio e non scomodassero i recenti e tragici massacri in Egitto. Mi ferisce e colpisce questo atteggiamento”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. Cari organizzatori di festini gay, perchè non l’avete fatta con simboli islamici la locandina?? avete paura eh?? vi piace vincere facile?
    ma non riuscite proprio ad essere quello che volete, senza ragionare in funzione religiosa??

    Pensateci bene, siete i primi a porvi il problema religioso: oggi potete fare quasi quello che volete, e in qualche caso già vi è consentito fare quello che agli etero non è consentito, e ancora a prendere in giro i cristiani? sembra che vogliate cambiare il modo di pensare degli altri, i quali secondo voi DEVONO concordare con le vostre idee, il vostro modo di agire e il vostro stile di vita.
    Apritevi VOI, apritevi ancora di più, e fatevi la vostra vita senza offendere le coscienze degli altri, se ci riuscite. Era tanto complicato farsi la propria festa senza offendere gli altri?

    Ma la mia domanda principale è: per quale motivo rimarcare l’orgoglio gay è cosa buona e da diffondere, mentre mostrare l’orgoglio maschio/femmina è discriminatorio??
    State sempre a chiedere il rispetto per voi da parte di tutti, ma siete i primi a non rispettare gli altri.

    E poi finitela pure di chiamare bigotti quelli che non la pensano come voi: non avete il monopolio e l’esclusiva dell’intelligenza, anzi agite come l’Inquisizione del 500.. l’unica differenza è che non avete il potere temporale, ma solo mediatico (per il momento).

    Mi raccomando, aspetto il primo idiota che dice che sono un cristiano cattolico bigotto eh! io parlo di rispetto per tutti e da parte di tutti, voi compresi.

  2. Avete davvero stufato. Siamo nel 2017 e il vostro amico immaginario non esiste, ed è un fatto conclamato- Poi tutti che fanno il confronto con gli islamici, quindi siete come loro? Per fare confronti bisogna essere sulla stessa linea, ma una volta non eravamo noi la civiltà progredita? Fatevi na risata, scopate di più e cacate meno il cazzo

  3. Il rispetto, se lo si pretende, bisogna anche darlo. Senza retorica, una goliardata è tale quando produce ilarità, una satira fa riflettere con leggerezza, un’alternativa esistenziale quando include una sana morale e un buon senso di comunità. Signor Avagliano, semplicemente, Lei non ha prodotto nulla di tutto questo e si scusi per aver traviato in forma omo e selettiva una visione ecumenica ed universale di un convivio (altrettanto avrei detto di una figura etero e lasciva, restando immutato il senso ECUMENICO ed UNIVERSALE dell'”azione” della CENA CRISTIANA). Si scusi e basta, e tutto finisce qui per una sciocchezza di cui Lei è il primo a rendersene conto, ma si è lasciato tentare dal far parlare di sè. Ci è riuscito, senza…..rimetterci la testa, perchè sa che nel mondo cristiano tutto è tollerato.

  4. eccoli! sono apparsi gli “aperti”!!
    anonimo 7.07, ci puoi dimostrare matematicamente l’inesistenza di Dio? aspetto con ansia.

    mentre tu scrivi la dimostrazione ti faccio notare che non hai capito un tubo di quello che ho detto, in particolare ti sottolineo il fatto che QUELLI CHE HANNO MESSO IN MEZZO la religione sono LORO! siete VOI! lo capite? ci arrivi?? pare di no..
    altrimenti avrebbero potuto fare una locandina di altro tipo e SENZA tirare in ballo la religione e le LIBERE ideee degli altri! ti è chiaro? lo spero.
    ma c’è di più: visto che siete e vi ritenete aperti a tutto e alla satira pure, PERCHE’ quando si fa un manifesto/locandina/satira dove VOI siete l’oggetto della satira vi scomponete subito e mandate gli ormoni alle stelle gridando al razzismo, preconcetto,diritti gay e via dicendo??

    evidentemente siete troppo plasmati dai media e da un tipo di cultura che si sta diffondendo da un po’, per cui non vedete queste cose. Vi aspetto alla prima locandina in cui gay, o altre religioni o queste nuove entità indefinite chiamate lgbt sono l’oggetto della satira!

    8.43, complimenti, avevo sentito il tuo arrivo! quindi nel 2017 c’è libertà di offesa? ok. vale per te quello che ho scritto per l’altro anonimo aperto qui sopra. Esiste il RISPETTO per gli altri e per la sensibilità altrui, è anche questa la civiltà, ma per voi sono concetti sconosciuti. Il vosto modo di pensare è lo stesso dei peggiori regimi, anche religiosi! pensateci! fate le stesse cose, solamente in direzione diversa

    ah, non sono assolutamente cattolico fervente e l’ultima volta che ho partecipato a una messa neppure lo ricordo, ma quanto ho detto è assolutamente slegato dalla dottrina in sé.

  5. Mamme che uccidono i figli,figli che uccidono i genitori….Se solo si accende il telegiornale si sente parlare di efferati maabri omicidi…e voi state a parlare di blasfemia per una trovata pubblicitaria…La fede e’ tutt’altro!!!!

  6. 14:25, forse non lo capite, ma qui sono in gioco la cultura e i valori di una comunità, NON la dottrina in sé. Potete essere di qualunque ideologia o fede religiosa o anche atei, ma in Italia, nati in Italia, sarete sempre di CULTURA cristiana, in Cina BUDDISTA, in India Induista. Forse un giorno ci arriverete a capirlo, questo non ha nulla a che fare con l’andare a Messa o dire le preghiere.
    Vi faccio presente, visto che molti sembrano ingorare questa cosa – anche tra i presunti “colti” – che se oggi potete dire tante cose e avete tante libertà è grazie ai valori di uguaglianza cristiana che tanti di voi ignorano e vorrebbero equiparare allo stantio discorso inquisitorio relativo ad una precisa epoca.
    Documentatevi un po’ sulle altre religioni e vedrete ad esempio che l’induismo ha tutt’ora una divisione in caste, differenze sociali stabilite per legge.. poi passiamo all’Islam sul quale sorvolo perchè se ne parla già tanto.. e arriviamo pure alle religioni animiste africane.
    Io se fossi in voi sarei felice di essere nato in un luogo di CULTURA (e lo sottolineo) cristiana: basta ascoltare prediche cristiane in cui si parla di pace e accoglienza per tutti .. e altre magari islamiche dove si parla di guerra santa.. e mi fermo qui.

  7. Cortesemente senza parlare di blasfemia o di artisticità mostratela ai vostri figli sapranno loro giudicare il “buongusto”… c’è un limite alla decenza che non ha nulla a che fare con la pubblicità o con l’essere gay

  8. pare che si sia perso il commento sull’esimio bestemmiatore accademico punibile ai sensi del codice penale…

  9. riproviamo in versione ridotta.. Davide Alfano, grande studioso dell’università di salerno (come appare lì scritto), sei cosciente che il tuo commento è passibile di denuncia penale per vilipendio della religione? sei cosciente del fatto che il vilipendio della religione NON è tanto qualcosa contro un Dio che potrebbe anche non esistere ma è un vilipendio delle idee e credenze (legittime e insindacabili) di una comunità?? Io mi vergognerei se fossi in te.
    E poi ti chiedo (e a quelli che la pensano come te): se il tuo “porco” è consentito in virtù di presunte libertà di satira ed espressione, allora dovrebbe essere consentito anche l’associazione dello stesso animale con i gay?? no? e per quale motivo? la tua/vostra opinione è l’unica legittimata? da chi? da Dio forse? o dalla vostra violenza verbale e (suppostamente) ideologica e culturale?
    Emerito Davide: articoli 403 e 404 del vigente Codice PENALE Italiano. Auguri.
    Ah, se ti resta un po’ di tempo tra uno studio e l’altro, rifletti un po’ su cosa sia il rispetto per gli altri, ne trarresti giovamento a mio avviso.

  10. Quelli che difendono questa blasfemia con la scusa della libertà di parola sono gli stessi che si indignano se sentono la parola “ricchione”?

  11. qualcuno su facebook può segnalare questo Davide AlfAno ? per molto meno sono stati censurati commenti e chiusi account

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.