Condividere gli insulti con i “Like” sui post di Facebook ora diventa reato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Un “mi piace” espresso all’esistenza di una pagina ritenuta essa stessa diffamatoria e minacciosa su Facebook ad un commento ingiurioso può giustificare una condanna. Lo sostiene il Tribunale distrettuale di Zurigo in una sentenza contro un uomo che ha dato dell’«antisemita» all’animalista Erwin Kessler. L’imputato, un 45enne, è stato condannato in prima istanza a una pena pecuniaria di 40 aliquote da 100 franchi per diffamazione. Contro la decisione è ancora possibile un ricorso al Tribunale cantonale. Stando all’atto d’accusa, oltre ad avere usato appellativi come «antisemita», «razzista» e «fascista» contro Erwin Kessler e contro la sua Associazione contro le fabbriche d’animali (Vgt), il 45enne ha commentato con dei “like” e ha inserito diversi rimandi verso contributi di altre persone con commenti analoghi. Tutte queste affermazioni sono evidentemente lesive dell’onore. Poco importa, scrive il giudice unico, se l’imputato abbia messo i “mi piace” a commenti fatti da altre persone. Con le sue condivisioni, l’uomo ha reso accessibile a un gran numero di persone giudizi penalmente perseguibili. L’imputato non è peraltro riuscito a fornire le prove o motivi fondati per sostenere che le sue affermazioni non fossero lesive della personalità, si legge ancora nella sentenza. Fatto sta, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che non è necessario essere l’autore del profilo per essere potenziale colpevole di un reato, basta esprimere il proprio consenso al suo contenuto. Ma questo non è l’unico o ultimo caso di persona rimasta schiacciata, per un gesto che la maggior parte delle volte viene compiuto senza neanche pensarci, dal coinvolgimento emotivo in questioni che meritano attenzione nella vita virtuale come in quella reale. E’ bene ricordare che il reato di diffamazione, nel diritto penale italiano, è il delitto previsto dall’art. 595 del Codice penale secondo cui: «Chiunque, fuori dei casi indicati nell’articolo precedente, comunicando con più persone, offende l’altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a 1.032 euro. Se l’offesa consiste nell’attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a 2.065 euro. Se è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore ad 516 euro. Se l’offesa è recata a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza, o ad una Autorità costituita in collegio, le pene sono aumentate»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. posso capire il fatto di pubblicare un articolo diffamatorio, ma qui si va verso il reato di opinione a quanto pare; vivremo con la paura di commentare qualche fatto di cronaca, con un “mi piace” o magari dicendo “sono d’accordo”, al bar … queste notizie hanno un vago sapore di tempi andati (sarà?);
    dopotutto lo stiamo vedendo cosa sta facendo il paese che ha già portato il mondo a due guerre mondiali e ha già avuto 3 defaults bancari, ma poi i porci siamo noi del sud europa (parole loro) …
    taci il nemico ti ascolta …

  2. Ma andassero a quel paese !!! puoi ammazzare un uomo per strada e farla liscia, ma se insulti un ebreo su una piattaforma gestita da un altro ebreo allora li, vai in carcere.. Ma vaf….

  3. Formisano: qui non si parla di razzismo, ma di opinioni in generale. Sul razzismo, e su tutte le opinioni, allora chiedo: cos’è opinione e cosa è reato? quale il limite? Forse non vi rendete conto che con questa storia dei diritti, diffamazione, razzismo, discriminazione, si sta raggiungendo il vero ed unico obiettivo: la distruzione del dissenso. Eh sì, perchè se ci rifletti, in pratica, la quasi totalità delle OPINIONI può essere (diventare) razzismo/discriminazione/insulto e via dicendo. Un esempio? dire “io odio i negri”, e sottolineo DIRE, è razzismo? secondo molti lo è, secondo me non del tutto, e spiego il perchè. Un conto è DIRE un conto è FARE. Ora nel momento in cui io dico qualcosa, esprimo opinione, discordante, negativa, stupida, sbagliata, quello che vuoi, ma opinione! Se invece all’opinione fa seguito una mia azione allora per me si configura il reato. Altrimenti rifletteteci bene, TUTTE le opinioni dissenzienti o discordanti possono essere considerate alla stregua di un reato.. Pure dire che non mi piace la pizza napoletana come la fanno a roma è una schifezza (esempio eh!), in quanto i pizzaioli romani potrebbero considerarla denigratoria.. ma intanto la mia opinione e il mio diritto che fine fa?
    Quello che dice Rosario lo capisco, e lo condivido (ebrei a parte, in generale, magari ebrei compresi): oggi è diventato impossibile dire qualcosa, e subito arriva la categoria che si sente offesa. Ogni cosa tocca la suscettibilità delle fragili anime moderne.. mentre poi le cose realmente gravi passano in sordina. Lo si è visto con il cane tempo fa.. mentre quando ammazzano interi popoli c’è il silenzio totale.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.