L’avidità dell’uomo corrode il pianeta Terra (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Non c’è una legge sul consumo del suolo, non ci sono pianificazioni paesistiche regionali, i piani regolatori sono in deroga.

Uguale: c’è un’esplosione di cemento che non riguarda solo le città, ma anche le campagne”. Ha dichiarato di recente, non senza preoccupazione, Gaetano Benedetto, direttore generale del WWF Italia.

Siccità e pioggia in questi giorni hanno provocato danni che si aggiungono a ferite inferte nel tempo ai nostri territori. Territori fragili, raccontati da immagini che si ripropongono sempre più di frequente. Fiumi di fango e detriti da spalare dalle strade e dalle case quando le piogge, come quelle di questi giorni, flagellano zone del nostro Paese.

Le responsabilità principali sono da attribuire ai cambiamenti climatici, conseguenza e frutto, però, di una amministrazione dissennata dell’intero globo, così come per il consumo del suolo o la cementificazione, contro cui qui in Italia non esiste ancora una legislazione specifica.

Si registra un vero e proprio accerchiamento delle aree naturali protette. Quel che accade è che i siti naturali di interesse comunitario – più di duemila dal Piemonte alla Sicilia – tutelati anche da una direttiva europea, sono assediati nella fascia di un chilometro dal loro perimetro dalla urbanizzazione.

Il WWF denuncia che negli ultimi 50 anni la cementificazione ha avuto nelle immediate adiacenze di queste zone protette un incremento medio su scala nazionale del 260%, dilapidando così il nostro capitale naturale.

Emerge un dato allarmante: un milione e mezzo di ettari agricoli persi in 10 soli anni. Ciò significa che stiamo consumando il patrimonio su cui c’è natura, bellezza e c’è, soprattutto, anche prospettiva di vita.

All’uomo, alla sua avidità, alle sue scelleratezze è bastato poco più di un secolo per condurre un pianeta con qualche milione di anni e l’intero ecosistema ad un punto di non ritorno. Le conseguenze si delineano assai preoccupanti per questa e le generazioni a venire.

I potenti siglano protocolli che poi, nel superiore interesse di qualcuno o qualcosa – complici spesso la disinformazione e un sostanziale disinteresse generale – abilmente aggirano, o peggio, disattendono.

Una nuova coscienza ed una ritrovata sensibilità, complessive ed individuali, potrebbero aiutare tutti e ciascuno ad acquisire maggiore consapevolezza dello status quo e ad assumere un pizzico di responsabilità utile a vigilare e salvaguardare, nel tentativo di arginare e contenere una china ormai pericolosa dalla quale, non fosse altro che per i silenzi talvolta assordanti, nessuno può sinceramente sentirsi esente da colpe.

editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.