Taccone (Presidente Avellino): «Minala meritava una sanzione esemplare»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Rompe il silenzio  Walter Taccone, presidente dell’Avellino,  intervistato a Montoro all’inaugurazione del nuovo club: “Quando vado in un club amo sempre ritagliarmi la lettera A sulla torta e non fatemi dire altro.

Abbiamo un gruppo di bravi ragazzi e un allenatore in gamba. Un bravo ragazzo anche lui. Ho trovato un’accoglienza fantastica. Ma quando vado in provincia mi succede sempre, sia che vinci sia che perdi. Abbiamo avuto una risposta straordinaria da parte dei tifosi.

Hanno mostrato la loro vicinanza in un momento di grossa difficoltà. E’ chiaro che abbiamo perso una partita fondamentale, che verrà ricordata per come si è evoluta. I ragazzi hanno dato il massimo, l’eccessiva sicurezza sul 2-0 ci ha fatto abbassare il baricentro.

Ma, come ho detto in passato, la nostra squadra non è fatta per difendere. Se avessimo continuato a giocare con l’undici iniziale non avremmo mai perso. Il calcio d’angolo del 2-1 era evitabile.

Un gol con una palla che è entrata forse anche grazie a un tocco di mano. Quella rete ci ha messo in crisi. I ragazzi non hanno avuto la serenità di giocare come sanno. Sono andati in paura e hanno iniziato a buttare via la palla. Sono giovani e possiamo perdonargliela”.

Sulle polemiche del post-gara: “Rispondere ai millantatori maleducati che non vogliono bene all’Avellino non è facile. Se tu cominci a dire in giro che ci sono state delle scommesse anomale su questa gara, non fai un danno a Taccone, ma lo fai all’Avellino, alla città in cui vivi. Alla squadra per cui tifi. Alla maglia che dici di amare. Queste accuse arrivano da persone con la mente vuota. Queste illazioni immotivate mi danno fastidio. Per tre giorni non ho parlato di calcio. Oggi è la prima volta. Il presidente può non capire nulla, ma metterne in discussione l’integrità fa rabbia”.

Su Minala: “Avrebbe dovuto ricevere una sanzione esemplare”.

Sulla gara di Pescara: “Mi aspetto una reazione forte e decisa da parte di tutti. L’Avellino non è morto, si è solo ferito. Riprenderemo il cammino che abbiamo intrapreso. Non siamo forse una squadra da primato, ma possiamo fare qualcosa di importante. Ricordo che da quando siamo saliti in B non abbiamo mai fatto un campionato di vertice. Siamo venuti fuori nel finale”.

Fonte Irpiniaoggi.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Fra poco sarà evocato anche “l’olocausto”…. e sarà chiesto a Minniti di rimpatriare Minala, perchè negro equivale a clandestino …..
    Ma per piacere. avete solo perso una partita di calcio!!!

  2. ma quante storie fate…possibile che non vi vada proprio giu…avete perso .mettete il punto…invece di evocare combine e quant altro….imparate a perdere anche perche’ domani a Pescara dovrete sicuramente mandare giu un latra pillola amara…forza granata

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.