Fiocco di neve e la potenza del web (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Lui si chiama Manfu, vuol dire “pieno di richezza”, ha 9 anni, è uno scolaro di una zona rurale dello Yunnan cinese; una foto gli ha cambiato la vita.

Alcuni giorni fa è arrivato a scuola dopo aver fatto come sempre un’ora e mezzo di cammino, ma a 9 gradi sotto zero. I suoi capelli e le sopracciglia erano completamente congelati e nella classe che frequenta non ha trovato poi particolare ristoro, perché lì non c’è riscaldamento.

L’insegnante lo ha immortalato e pubblicato la foto in rete. Lo scatto, divenuto viale, ha subito fatto il giro dell’intera Cina e scatenato una gara di solidarietà. I compagni di classe lo hanno soprannominato “fiocco di neve”.

Il piccolo è uno dei tanti orfani sociali, vittime dello straordinario sviluppo industriale della Cina, che ha indotto circa 300 milioni di contadini a migrare dalla campagna alle megalopoli per trovare occupazione nelle catene di montaggio e nei cantieri. Costoro vengono chiamati “liushou”, ovvero “lasciati indietro”.

Fiocco di neve, vive con la nonna e sorella in una misera capanna, la madre è scomparsa due anni fa ed il padre è stato costretto ad andare lontano per garantire loro il minimo sostentamento e fa ritorno a casa solo due volte l’anno.

Dopo il clamore suscitato dalla foto, al papà del bambino è stato offerto un lavoro che gli permetta di stare vicino ai figli, mentre le donazioni in soldi e vestiti continuano ad arrivare copiose da tutta la Cina; tanto che la Contea ha istituito un conto dedicato. Nel frattempo le elargizioni pervenute hanno già superato i 2milioni di euro e continuano a crescere. Le autorità locali stanno invitando i benefattori di non aiutare solo Manfu perché sono in molti quelli ad avere bisogno come lui.

La storia di Wang Manfu stimola due riflessioni. La prima è sulla Cina attuale: da un lato una superpotenza economica capace di sfornare miliardari e di comprare persino interi pezzi di Occidente e dall’altra una nazione nella quale emergono imponenti e prepotenti sacche di povertà.

La seconda è sull’uso dei social network: spesso limitato  a scopi frivoli, se non talvolta deteriori ed addirittura irresponsabili, ma quanto accaduto a Fiocco di neve esalta ancora una volta la funzione sociale e divulgativa che hanno gli strumenti di comunicazione di massa. Il colpevole non è dunque il mezzo, ma l’utilizzo distorto che se ne fa.

Editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.