Pagò il pizzo per girare serie tv Gomorra: condannato il produttore

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
La produzione di ‘Gomorra’ pagò il pizzo alla camorra di Torre Annunziata (Napoli) per girare nel 2013 alcune scene della fortunata serie tv nella villa del clan Gallo che nella fiction era della famiglia Savastano. A questa conclusione è arrivato il giudice monocratico di Torre Annunziata, Gabriella Ambrosino, condannando a sei mesi di reclusione per favoreggiamento personale, pena sospesa, il location manager Gennaro Aquino.
Assolto invece il responsabile di produzione Gianluca Arcopinto.
L’inchiesta è quella legata al pagamento del pizzo per girare nella villa del clan che nel frattempo era stata sequestrata dal gip e affidata a un amministratore giudiziario.
Per il tribunale Gennaro Aquino è la persona che per conto della produzione ha materialmente consegnato la busta con 6.000 euro alla famiglia Gallo per permettere la registrazione delle scene. A confessare come si sarebbero svolti i fatti, e a chiamare in causa i vertici della Cattleya, è stato ieri lo stesso Aquino.
“Le dichiarazioni di Aquino non fanno altro che confermare che ci sono pericolosi punti di contatto tra Gomorra la serie e la vera camorra e, forse, proprio per questo, la serie è così apprezzata tra i malavitosi e i suoi protagonisti diventano i miti delle baby gang”.
Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli, conduttore de La radiazza su Radio Marte, per i quali “sia per la serie che per il film di qualche anno fa, sono emersi intrecci pericolosi con gente che viveva e vive realmente nell’illegalità come dimostrano gli arresti di molti attori, anche di primo piano, delle due produzioni, e questa vicenda dei soldi pagati per usare la villa del boss come location”.
“Purtroppo è la prova che le produzioni ispirate al libro Gomorra siano dei veri e propri reality della camorra piuttosto che fiction televisive o film” hanno aggiunto Borrelli e Simioli per i quali “visto che è già in lavorazione la quarta serie della serie, sarebbe opportuno un cambio di registro portando nella narrazione anche esempi positivi, a cominciare da forze dell’ordine e magistrati che, ogni giorno, lottano per sradicare la camorra dal nostro territorio”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. ma 6000 euro per affittare una villa intera per girare un film, per vari giorni, non mi sembrano un eccesso; inoltre per una somma del genere non credo che certa gente si sporcherebbe tanto le mani. C’è qualcosa che mi sfugge?

  2. Credo ti sfugga che 6000 euro un’azienda come quella cinematografica non può e non deve pagarli mai in nero

  3. o track, il tono dell’articolo non è sul tema “pagamento senza fattura”, questo forse sfugge a te.. qui si parla di camorra, pizzo, e in particolare “per consentire di girare le scene nella loro villa”. Ora penso che pure tu a casa tua, per consentire ad un regista di fare un film, penso che chieda qualcosa, giustamente. E se non rilasci fattura non è che sei automaticamente camorrista, solo evasore fiscale.. come milioni di persone nel mondo. Ripeto, non capisco perchè si chiami “pizzo” e non “evasione fiscale”. Forse solo perchè i soggetti coinvolti sono camorristi? ma era casa loro, mica chiedevano per girare scene per strada?
    Sui pagamenti delle grandi aziende poi stendiamo un velo pietoso .. la “mela”, ggl e ms pagano “legalmente” meno del 5% di tasse, in Europa, l’europa dei cittadini e della democrazia.. mentre il cittadino Ugo e “o track” pagano il 45%, e pure se evadiamo la metà restiamo sempre a pagare cinque volte quello che pagano le multinazionali..

  4. Pagare 6.000,00 euro per girare le scene di un film nell’abitazione di una famiglia appartenente ad un’organizzazione camorristica rende certa un’evasione fiscale (e siamo anche d’accordo se non dichiarati) ma non fa venire alcun sospetto che sia un “pizzo”? Strano!

  5. Ma avete letto bene l’articolo? La villa era sotto custodia giudiziaria e quindi non più nella disponibilità della famiglia in questione.Ma nonostante tutto hanno preteso soldi per far sì che si girassero le scene. Come la chiamate questa pretesa? Estorsione.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.