Basket: il salernitano Peppe Poeta vince la Coppa Italia con il Torino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
La prima volta non si scorda mai. E non fa niente se arriva ad “appena” 32 anni. Con il naso rotto e la mascherina protettiva, ferite al sopracciglio ed al labbro, con un polpaccio in disordine per un principio di stiramento accusato in semifinale, Peppe Poeta trascina la Fiat Auxilium Torino alla vittoria della Coppa Italia. Primo trofeo in bacheca per il cestista salernitano, prima volta anche per il team piemontese. Mentre Vujacic mette a segno il lay up del 69-67 con cui decide la finalissima contro la più accreditata Brescia, Poeta sembra incredulo.

Seppure in precarie condizioni fisiche Zeppola in finale, su una gamba sola, segna 7 punti e dispensa 4 assist, meritando 12 di valutazione che ne fa il migliore in campo dei suoi. I piemontesi mettono in riga una dopo l’altra Venezia, Cremona e Brescia. Eppure nell’ultimo mese tra scelte azzardate a livello societario, cambi di allenatori (da Banchi a Recalcati fino ad arrivare alla promozione dell’ex assistente Galbati), Torino si è ritrovata con una squadra sull’orlo di una crisi di nervi, con uno spogliatoio a pezzi e diversi giocatori acciaccati. Nel momento più difficile, però, è venuto fuori il carattere dei componenti del roster piemontese, che hanno trovato proprio in Poeta il loro leader.

Il ragazzo nato cestisticamente a Battipaglia, cresciuto poi nelle giovanili della Pallacanestro Salerno (con cui ha esordito pure tra i “grandi”) e che poi ha militato nelle file di Veroli, Teramo, Bologna, Baskonia, Manresa, Trento e, quindi Torino, in carriera aveva ricevuto diversi premi individuali e aveva indossato più di 100 volte la canotta della nazionale maggiore italiana. Eppure, a livello di squadra prima di domenica non era mai riuscito a vincere nulla. Prima di domenica. Sarà per questo che al ritorno a Torino, alla stazione di Porta Susa, dove l’Auxilium ha ricevuto l’abbraccio dei suoi tifosi, il cestista salernitano sembrava ancora un po’ spaesato. Oggi, forse, “Zeppola” sta iniziando a realizzare la portata dell’impresa compiuta dalla sua squadra.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Quando si tratta di grandi imprese sportive e non BATTIPAGLIA è SALERNO , mentre se si tratta di
    fatti delinquenziali allora non lo è; mi fate capire meglio questa cosa?
    Grazie

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.