Rapporto Svimez, il Sud arranca (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il Pil del Mezzogiorno nel 2018 dovrebbe attestarsi allo 0,8%, mentre quello del Centro-Nord all’1,3% riaprendo così la forbice tra Centro-Nord e il Sud del Paese. È quanto emerge dal rapporto dell’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno 2018.

“L’economia e la società del Mezzogiorno” in cui si sottolinea che “nel corso dell’anno gli investimenti, che sono la componente più dinamica della domanda, crescono in entrambe le aree, ma in maniera più marcata al Nord: +3,8 nel Sud, +6,2% nel Centro-Nord”.

Nel 2019 l’economia del Mezzogiorno segnerà un leggero recupero, viceversa quella del Centro-Nord un rallentamento: nel Sud il Pil all’1,4% del 2017 scende allo 0,8% nel 2018 per poi risalire all’1% nel 2019; nel Centro-Nord, invece, la caduta è continua dall’1,5% del 2017 all’1,3% del 2018, all’1,1% del 2019.

La Svimez nel rapporto 2018 spiega che il prossimo anno “sarebbero i consumi totali (+1% in entrambe le macro-aree) i driver della crescita, trainati da quelli delle famiglie i quali trarrebbero vantaggio significativamente dal Reddito di cittadinanza e quota 100”.

Per quanto concerne il reddito di cittadinanza, la Svimez è scettica. Spiega che servirebbero 15 miliardi per poter dare 780 euro a tutti. “Con le risorse attuali – si legge nel rapporto – prendendo a riferimento le famiglie con Isee inferiore a 6000 euro e tenendo conto che il 50% potrebbe avere una casa, il sussidio va dai 255 euro per una famiglia monocomponente ai 712 per una con 5 o più componenti, a circa 1,8 milioni di famiglie. Il Mezzogiorno assorbirà il 63% del Reddito di cittadinanza”.

Al Sud nel 2017 gli occupati sono aumentati di 71 mila unità, +1,2%, mentre al Centro-Nord la crescita è stata di 194 mila unità. Con questo risultato il Centro-Nord ha recuperato completamente i livelli occupazionali pre-crisi, mentre il Sud resta di circa 310 mila occupati sotto il livello del 2008.

Il tasso di occupazione segna ancora – 2 punti rispetto al 2008 nelle regioni meridionali (44,3% nel 2018, era 46% nel 2008) mentre ha recuperato i livelli 2008 nel Centro-Nord (65,9%). Le famiglie in povertà assoluta, dal 2016 al 2017, sono aumentate in modo preoccupante: da 700 mila a 845 mila.

Come se non bastasse, i dati della Ragioneria sull’andamento del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il ciclo 2014-2020 evidenziano che ad oggi la capacità di spesa sulle risorse programmate è bassissima: su 32 miliardi di euro, solo 1,7 miliardi. Dunque, anche quella spinta al rilancio, proveniente dalle risorse dei fondi europei e utile a programmare crescita e prospettiva alle comunità ed ai territori, viene addirittura sottoutilizzata dalle Istituzioni e dagli Enti preposti.

Se da un lato l’Europa ci appare distante, dall’altro facciamo di tutto per allontanarla, anche quando si mostra concretamente presente. Ed allora, è davvero ancora il caso di fare a scaricabarili?

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.