Palermo calcio verso fallimento, Balata: “Situazione critica”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
18
Stampa

Una città intera spera di potersi risvegliare da questi incubo e che possa arrivare quel miracolo al fotofinish con una fideiussione necessaria per iscrivere il club al prossimo campionato di serie B. Più passa il tempo, più le speranze si affievoliscono. Da questa mattina la tifoseria ha presidiato l’ingresso dello stadio. Attimi di tensione: qualche petardo e un fumogeno. La zona è presidiata dalle forze dell’ordine che hanno creato un cordone di sicurezza all’ingresso degli uffici di viale del fante.

Con il passare delle ore emergono dettagli preoccupanti sulla vicenda della mancata documentazione inviata dalla società rosanero per l’iscrizione alla prossima Serie B. La presunta truffa sulla fideiussione da 800 mila euro invocata dal direttore finanziario di Arkus Network, Salvatore Tuttolomondo, non sembra l’unica problema che deve affrontare la società rosanero. Bocche cucite in società e nessuna voglia di parlare. Il patron Salvatore Tuttolomondo è volato a Roma nel disperato tentativo di ottenere una fideiussione ma il tempo è ormai scaduto. La Curva Nord 12 sui social ha lanciato questo messaggi rivolto alla tifoseria. “Resteremo in presidio allo stadio fino a quando non uscirà tutta la verità….nessuno uscirà dagli uffici del Barbera a costo di pagare noi le conseguenze finché non si capirà cosa è successo e chi ha permesso tutto questo

Questa mattina intanto si è riunito il cda del club che si riaggiornerà domani alle 12. “Ho sempre detto che avrei confermato l’iscrizione nel momento in cui sarebbe avvenuta, stasera avremo evidenza dei versamenti effettuati e capiremo cosa accadrà – afferma il presidente del Palermo, Alessandro Albanese -. Salvatore Tuttolomondo ha confermato che entro questa sera ci darà evidenza di tutti i pagamenti. Voglio capire meglio la situazione, nel caso il Cda farà tutti i passaggi necessari da rimettere all’assemblea. Voglio ricordare che questa è un S.p.A. a tutti gli effetti, ci sono dei passaggi da fare e valuteremo attentamente senza voler rimandare. L’augurio è che stasera potremo iniziare una battaglia per un’altra vicenda che è quella legata alla fideiussione”. Albanese ha poi dichiarato. “Ho la consapevolezza che c’è un problema grave che va risolto al più presto – prosegue -. Ho la mia preoccupazione legittima – ha ammesso Albanese – Con la proprietà abbiamo discusso fino a poco fa serenamente: ancora non possiamo dire se ha disatteso o atteso, gli apporti di capitale finora ci sono stati”.

Anche gli organi federali hanno gli occhi puntati sul club. “Il caso Palermo? La decisione è molto semplice: applicheremo le regole, non ci può essere deroga a nessun principio del rispetto delle regole. La Commissione di vigilanza è al lavoro, ci sono delle criticità che valuterà il nostro organismo di controllo”, dice Gabriele Gravina, presidente della FIGC. Sull’argomento è intervenuto anche il presidente della Lega B Mauro Balata: “Purtroppo non dipende da noi, abbiamo cercato di fare di tutto per portare avanti una politica di trasparenza e rispetto delle regole. Cercando di agevolare proprietà sane, imprenditori virtuosi e appassionati, cosa di cui il calcio ha bisogno. La parola passa ora alla FIGC e alla COVISOC, non nascondo che la preoccupazione è molto alta”.

Fonte Il Giornale.it

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

18 COMMENTI

  1. Ora l’Italia intera sportiva conosce un po’ alla volta la verità. Tutti volevano la Salernitana in C (o il Venezia) perché di Lotito e quindi accusata di favoritismi.
    Specie Palermo e Foggia hanno innescato una guerra morale in questo senso.
    Ora pagano la loro ipocrisia , pagano , purtroppo , anche i tifosi mal consigliati pensando che il nemico fosse Lotito.
    Lo striscione dei tifosi del Palermo è ancora lì, innegiava beghe di palazzo e quant’altro ma il nemico era alle loro spalle.

  2. A noi nessuno ha fatto sconti o ha aspettato tutto questo tempo oserei per il Palermo anni. Che aspettano ancora a cancellarli dal calcio forse hanno paura.

  3. Un Presidente che dice: dobbiamo vedere… sono preoccupato…ancora non so… se la propietà ha atteso o disatteso…
    Ma lo sei un pagliaccio?…o fai il pagliaccio ?

  4. Una situazione imbarazzante, provocata dalla stupidità della lega b e di Balata, che voleva fare il paladino dei diritti, quando tutti, ma proprio tutti, sapevano come sarebbe andata a finire.. Dispiace per tanti tifosi palermitani che sono stati presi in giro. Non mi dispiace per altrettanti che pretendevano la categoria per diritto divino e che hanno dato addosso alla salernitana per mesi, considerandola una squadra di trafficoni a causa del nostro presidentissimo..

  5. Per i tifosi granata:
    Quando alcuni tifosi granata dicono via Lotito da Salerno, consiglio di riflettere bene. Ci siamo ritrovati nei guai già 2 volte con gente che specula e ci siamo ritrovati nella m…. almeno finanziariamente siamo a posto. Ma smettila di tifare contro la Salernitana non ha senso!

  6. Azione legale contro lega,presidenti e avvocati Foggia e Palermo veri e propri millantatori da sottoporre a processo,la Salernitana e tutti i tifosi devono avere un risarcimento morale e materiale per le nefandezze subite da costoro

  7. Se come sembra il Palermo viene estromesso dalla serie B, chi paga per aver costretto Salernitana e Venezia a fare i playout?

  8. Chi paga per aver costretto a far giocare i play out???Io invece la vedo;chi ne ha guadagnato facendoli giocare???Ecco il motivo del perche si sono fatti giocare per forza i play out,la lega aveva avuto già i soldi in merito.

  9. Pensate se restituivano il punto al foggia!!!Cosa dicono tutti quelli che hanno preso le parti di palermo e foggia ora come ora?!Hanno fatto soffrire due tifoserie come quelle di Salerno e venezia con le società in regola,quando poi si poteva evitare tutto questo.

  10. e hanno preso in giro Tacopina per 2 mesi, definendolo un rimbambito e un piagnone.. fossi in lui, chiederei centinaia di migliaia di euro di danni alla lega…

  11. Due tifoserie e società sottoposte a gogne mediatiche per presunti favoritismi fa parte di società e tifoserie ( Foggia e Palermo) consapevoli di falsi in bilancio, pagamenti in nero ed omissioni varie….
    Chi risarcisce il phatos subito dalla tifoseria Veneziana e Salernitana?
    Con l’orgoglio di chi ha subito tali sventure, un presto ritorno nelle categorie professionistiche.

  12. Venezia e Salernitana in un paese normale dovrebbero essere risarcite da chi le ha costrette ai play out ben sapendo dei problemi che avevano e che son venuti a galla a Palermo e Foggia. Che ripartano dalla d e auguro loro un lentissimo ritorno nel calcio che conta. Nel frattempo, contento per il Venezia che dovrebbe rientrare in b.

  13. Non ti preoccupare che a Salerno si dimentica tutto.
    L’importante è andare contro Lotito, poi tutto si aggiusta.
    Ma che grande tifoseria!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.