Il distacco sociale della politica dei like (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Matteo Salvini, l’uomo forte di un governo Conte piuttosto fibrillante, oltre ad un robusto consenso, ha acquisito una assoluta padronanza dei tempi della comunicazione e, segnatamente, di quella politica. Finanche quando inciampa in una gaffe, simulata o non, il capitano riesce a rimediare e rilanciare con rara abilità.

Ma, la valenza politica, non può incentrarsi sulla confidenza mediatica o sull’appeal che possiede il protagonista di turno, seppur ben farciti da qualche, indiscussa capacità.

Un modus operandi che, primo fra tutti, colse ed importò dagli Stati Uniti, Silvio Berlusconi, oltre un quarto di secolo fa, successivamente emulato, neppure tanto bene, dai molti omologhi succedutisi alla testa dei vari schieramenti; non ultimo, Matteo Renzi.

Checché se ne dica, in fondo l’idea dell’uomo solo al comando (finché dura) piace, addirittura affascina i più, lo dimostrano la storia e i fatti. Sebbene dovrebbe prevalere esclusivamente la logica del “primus inter pares” per tutte le organizzazioni democratiche in generale e quelle politiche, sindacali e sociali in particolare.

La politica ha bisogno di riacquistare credibilità e centralità e per farlo è necessario ripartire, in primo luogo, dai contenuti e dalla volontà di selezionare, ad ogni livello, una classe dirigente più autorevole, preparata, meno improvvisata e che abbia piena consapevolezza del consenso.

L’elettorato, oramai scoraggiato, si è in larga parte persino impigrito; sempre più spesso – sia chiaro, sbagliando – soggiace, rinuncia, pure per l’assenza di una proposta alternativa su cui investire quel briciolo di residua fiducia. Uno scenario che si diffonde moltiplicandosi, soprattutto, in tante regioni e città, grandi e piccole dello stivale, indipendentemente dal segno di chi le amministra.

Siano esse di sinistra, di centro o di destra si rivalutano, se non addirittura rimpiangono, figure simbolo della Prima Repubblica. Forse perché erano uomini al timone di compagini in cui il confronto non si sviliva, come oggi, nella quantità di applausi ricevuti durante un talk show, o nel numero di condivisioni e like ottenuti da un post, ma era l’occasione per spiegare le proprie e ascoltare le altrui ragioni, preferibilmente in quei luoghi in cui la gente sapeva ancora ritrovarsi e riconoscersi.

Forse perché erano leader alla guida di forze politiche che, soprattutto in determinati momenti storici, seppero tenere unito il Paese, interpretando e rappresentando ansie e speranze delle comunità, senza abdicare al rispetto dell’altro e al decoro delle Istituzioni.

Malgrado acclarate colpe e responsabilità e nonostante distanze ideologiche talvolta siderali, di certo però quei partiti, nessuno escluso, ebbero almeno quale scopo condiviso quello di favorire la crescita collettiva ed omogenea della nazione: da Nord a Sud. Da Est come da Ovest.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.