Pezzotto e IPTV pirata: Il Mattino svela come funziona lo streaming illegale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Dopo aver beccato il 35enne di Palermo che aveva una IPTV pirata (ZSAT) in casa con la quale trasmetteva contenuti per il Pezzotto, ora si può capire come funziona meglio il sistema.  Che parte da un dato di fatto: ogni abbonamento pirata costa dai 10 ai 12 euro al mese ad abbonato,una clientela (in questo caso 11mila utenti) che si forma soprattutto grazie al passaparola.

Tutto parte dall’«encoder», un dispositivo elettronico creato appositamente per piratare il segnale delle pay-tv:  l’uomo, racconta oggi Il Mattino, aveva in casa 60 decoder di Sky, tutti con regolari abbonamenti intestati ad altrettante persone, ognuno sintonizzato su un canale diverso 24 ore su 24. Poi tutti i box Sky erano collegati, invece che alle tv, all’encoder che trasmetteva il segnale su alcuni server situati fuori dall’Italia che poi inviavano le immagini a migliaia di abbonati a «Pezzotto-Tv»:

L’encoder serve infatti per nascondere i codici degli abbonamenti dai quali viene estratto il segnale per poi riprodurlo illegalmente migliaia di volte e rivenderlo ai consumatori. Stavolta gli uomini della Postale di Palermo guidati dal commissario Vincenzo Di Piazza, dirigente della Polizia per il contrasto al cyber-crime, sono riusciti ad intervenire perché sono stati capaci di individuare direttamente la sorgente da dove partiva il segnale, quei 60 decoder sintonizzati ognuno 24 ore su 24 su un canale diverso.

Più complesso è risalire invece alle organizzazioni e soprattutto fermare chi noleggia i server ai pirati digitali. Il sistema utilizzato a Palermo è lo stesso scoperto già molte volte in altre zone d’Italia. Già nel 2017, a Scampia, fu sgominata un’organizzazione criminale con collegamenti in altri Paesi europei.

I pirati informatici infatti comprano o noleggiano dei server situati fuori dall’Italia. I server immagazzinano i segnali provenienti dai decoder e poi li reindirizzano sulle scatolette “Pezzotto” dei clienti che possono così godersi partite e cinema pagando meno di un terzo degli abbonamenti legali.  Le principali società che noleggiano ai pirati i server in hosting sono situate in Qatar, Emirati Arabi e in vari Paesi europei. Tra questi anche un’azienda olandese – la Worldstream–che si ritiene trasmetta almeno il 50 per cento della tv pirata.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. 80 euro per un abbonamento sky e non si può assistere a tutte le partite perché il “dazn” di turno acquista un terzo delle gare…ve lo meritate, la vera mafia è lo stato Italiano che non tutela i propri cittadini. Vedere anche il caso compagnie telefoniche per capire, aumenti ingiustificati e variazioni contrattuali senza alcuna possibilità di difendersi per i consumatori.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.