Due mesi, in fin di vita per un ago. Sofia Rosa salvata a Battipaglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
La piccola Sofia Rosa, una bimba di soli due mesi ha rischiato di morire di disidratazione all’ospedale Ruggi di Salerno a causa della mancanza degli aghi.

La piccola è stata poi trasferita all’ospedale di Battipaglia dove i pediatri del nosocomio battipagliese sono riusciti a salvarla. E’ la storia raccontata da Il Mattino oggi in edicola

«A due mesi di vita mia figlia ha rischiato di morire, in ospedale, a causa di una disidratazione. E tutto questo perché il Ruggi di Salerno non ha le attrezzature necessarie per poter assistere i piccoli pazienti… Neanche gli aghi per le flebo…».

È lo sfogo di Raffaele, il papà della piccola Sofia Rosa a Il Mattino.  Il calvario della sua piccina è durato sei giorni prima che, ormai collassata e con pochi minuti ancora di vita, i medici del San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona «si sono decisi a trasferirla a Battipaglia, in ambulanza».

«Abbiamo lottato contro i secondi – ammette il pediatra Antonio Pisapia che ha rianimato la piccina al suo arrivo a Battipaglia – siamo stati costretti a mettere una flebo intraossea perché le sue vene era tutte chiuse e la piccola piena di ecchimosi provocate dai continui tentativi di infilarle un ago nelle vene».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Qualche giorno fa avevo commentato che al ruggi avevano presentato una forma di Odontoiatria sociale.. Cosa che avrebbe dovuto fare invece l’ambulatorio ASL.. E ora leggendo l’articolo ne abbiamo la riprova.. Concentriamo le risorse su cose serie: il ruggi ha ben altri compiti importanti invece di curare i denti..

  2. Ogni tanto mettete articoli anche di altri ospedali, dove i medici salvano realmente un piccola vita, e nn come fate di solito con i tanti miracoli del dottore” santo “del ruggi…..

  3. Ormai al Ruggi lavora solo personale di Napoli e questo la dice lunga sulla gestione della sanità in Campania…

  4. Dico e ribadisco di venire come osservatori ad una giornata in ospedale magari di notte nei reparti di emergenza/urgenza e poi vediamo cosa pensate…. forza ci sono posti….

  5. Infermiere non di Napoli non lavorare troppo… dovresti stancarti…? Li guadagnassi io i soldi tuoi…

  6. È vergognoso, anche la Tin Neonatale è piena ed i neonati trasferiti fuori provincia.
    Se chiudete gli ospedali assicurate un’Assistenza minima a chi partorisce qui.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.