Spunta un altro video sulla prof di Salerno derisa in classe

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Gli episodi di bullismo nei confronti della professoressa del Regina Margherita di Salerno sarebbero iniziati molto tempo fa. Dieci anni almeno. Lo dimostra un video datato 17 maggio 2009 ritrovato da Open e girato in un altro istituto. Nella clip la professoressa protagonista involontaria del tormentone «Bassano, sei tu?» viene presa di mira dagli studenti che le tirano addosso dei fogli accartocciati: la donna è immobile, sembra terrorizzata.

Per la docente, insomma, l’incubo sarebbe iniziato molti anni fa. Open racconta inoltre che secondo una fonte sarebbero stati registrati altri gravi episodi di bullismo contro l’insegnante: gessetti sbriciolati sulla testa e un pesce di stoffa intriso di polvere di gesso posizionato sulla sedia della donna in modo da sporcarla. In molti, dunque, sembravano sapere della situazione che doveva affrontare la donna, ma nessuno ha mai fatto nulla.

Il caso della professoressa dell’Istituto Regina Margherita di Salerno era balzato agli onori della cronaca qualche giorno fa con la diffusione di un video (risalente allo scorso anno) in cui gli studenti deridevano in aula l’insegnante impedendole di completare l’appello. In pochi giorni sui social erano stati individuati altri filmati che testimoniavano altri episodi di bullismo nei confronti della donna. La vicenda è arrivata fino agli uffici scolastici regionali della Campania che hanno avviato un’inchiesta, mentre all’interno dell’Istituto si sono susseguiti incontri e riunioni tra docenti, personale, genitori e studenti. Il tutto sotto la supervisione della dirigente scolastica che ha assicurato di lavorare per accertare le responsabilità.
Fonte Giornalettismo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Mi permetto di dire che qui nessuno deride nessuno, la gravità sta nel fatto che questa donna non sta per niente facendo bene il mestiere dell’ insegnante.
    Data la giovane età dei ragazzi è normale vederli divertiti.

  2. E’ inaudito che questa povera professoressa soffra da almeno 10 anni e nessuno è intervenuto per delle cure specifiche…è inaudito che colleghi ,presidi e vice presidi non abbiano segnalato nulla sapendo a cosa andava incontro la professoressa..

  3. Non sono giustificabili nè la preside nè i ragazzi. La prof non si poteva rifiutare di andare in classe. LeI è doppiamente vittima

  4. Con tutto il rispetto ma come fa ad insegnare… non credo proprio che possa fare la professoressa questo è il problema e non dei ragazzi che per quanto mi riguarda nessuno l ha derisa a parte Bassano che ha fatto una goliardata dopo che ha mandato fuori di testa anche lui. Se fossi stato suo alunno mi sarei sentito io deriso ad avere una prof del genere. Aiutatela

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.