Il ricordo di Lucia la ragazza di Salerno morta in Africa per aiutare gli altri

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
«Cara Lucia, leggo sempre le tue parole ricordando la tragedia che ti ha colpito». Lucia era un’antropologa ed è morta così: a 33 anni, in giro per l’Africa in bicicletta a cercare persone da aiutare. La madre, a dodici anni di distanza, ha scelto di raccontare la sua storia al Corriere.

E comincia dalla fine. «Ai confini del Mali mia figlia contrae la malaria, l’ambulanza che doveva portarla a Bamako finisce contro un baobab caduto pochi minuti prima sulla strada. Per l’urto si aprono le porte della vettura e dal baobab arrivano migliaia di vespe che la massacrano. Forse hanno capito che era il più bel fiore. Così i suoi occhi azzurri come il mare si sono chiusi per sempre. Mamma Africa l’ha voluta per sé stringendola tra le sue braccia».

L’Africa per Lucia era il sogno di sempre.  Lucia era nata nel 1974 a Salerno e si era trasferita a Roma per frequentare l’università. «Era un essere speciale – ricorda Paola, la sorella maggiore – . È sempre stata protesa al prossimo, da bambina con i cani randagi, poi con altre associazioni che si occupavano di bambini svantaggiati.

E in Africa Lucia va, con un amico, per intraprendere un viaggio in bici per fare quello che aveva sempre fatto: la volontaria. «È partita a novembre dopo aver fatto la profilassi antimalarica e arriva in Senegal, poi va in Mali e in Burkina Faso», ricorda ancora Paola. «A gennaio mamma riceve telefonata dalla Farnesina: Lucia aveva contratto la malaria ed era in coma.

Abbiamo comprato un biglietto per il primo aereo con papà per il Mali con scalo a Parigi, ma nel frattempo ci ha chiamato una dottoressa dall’Africa per dirci che Lucia non ce l’aveva fatta. Il giorno del suo funerale a Salerno sono venute centinaia di persone da tutta Italia e ci hanno dato testimonianza di tutto il bene che aveva fatto e che non sapevamo. Lucia è stato l’esempio di quanto bene c’è nella nostra società, ma che è silenzioso perché tanti come lei non amano parlarne».

Fonte IlCorriere.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.