Salernitana: Ventura analizza le cause del black out

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’amarezza per la beffa al 95esimo non deve offuscare il buon lavoro fatto finora dalla squadra di Ventura. Sarebbe un grave errore dimenticare i 14 punti conquistati in sette giornate, le tre vittorie consecutive in trasferta, il buon primo tempo di ieri e le cose positive ottenute finora da Micai e soci in questo avvio di campionato.

Aspetti positivi al netto di una squadra rabberciata e ridotta ai minimi termini per via dei tanti infortuni. Nessun dramma per aver perso la possibilità di prendere il comando della B. C’è tempo per l’assalto al primo posto.

La sosta aiuterà a recuperare qualche lungodegente e permetterà a Ventura di lavorare sulle cose che non vanno. Già perché una squadra che vuol recitare un ruolo da protagonista non può e non deve dopo essere passata in vantaggio e con un uomo in più smettere di giocare.

E’ forse questo il problema più grande su cui il mister dovrà lavorare alla ripresa della preparazione. Stanchezza, mancanza di cambi adeguati, vertigini da alta classifica, personalità. Tutte facce della stessa medaglia che vanno inserite nel processo di crescita avviato da Ventura qualche mese fa.

Ieri la Salernitana si è inceppata, si è fermata quando invece avrebbe dovuto chiudere i conti dopo il rosso a Gori. Era quello il momento di insistere ed invece la luce si è spenta. Kiyine come mezzala non ha convinto, i cambi non hanno cambiato il volto alla squadra, e l’attacco continua a non pungere. Durante il momento migliore la Salernitana pur esercitando una pressione notevole ed un possesso palla elevatissimo non ha mai tirato in porta.

Un problema che si trascina da dopo la gara con il Pescara l’unica dove la prima linea granata ha dato segnali di vitalità importanti. In attesa di Cerci, lontano parente di quello che un po’ tutti vorrebbero vedere in campo, ora l’emergenza -urgenza riguarda l’organico e la necessità di recuperare in tempi rapidi gli infortunati.

Il campionato di B è lungo ed estenuante e non poter cambiare gli interpreti quando sono in debito d’ossigeno equivale a rovinare la minestra per un chicco di sale un po’ come quello che è accaduto ieri all’ultimo giro di lancette

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.