E’ salernitano il Pm che ha ottenuto l’ergastolo per autore femminicidio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
La Corte d’Assise di Brescia ha condannato all’ergastolo senza attenuanti Abdelmijid El Biti che, secondo la sentenza, uccise la moglie per poi nasconderne il corpo in un sacco. Il cadavere della donna non è mai stato ritrovato.

Il giudice ha accolto la richiesta del pubblico ministero di assegnare all’uomo il massimo della pena. Stando a quanto è stato ricostruito, costui avrebbe strangolato la moglie Souad Assoui davanti ai figli, per poi chiuderla in un sacco nero e gettarla in un luogo che, a distanza di un anno e mezzo, non è ancora stato identificato. L’episodio risale infatti alla notte tra il 3 e il 4 giugno 2018.

A riprendere l’uomo sono state le telecamere di videosorveglianza di un bar vicino al luogo del presunto femminicidio. Dato però il mancato ritrovamento del corpo della donna, il legale di Abdelmijid aveva chiesto l’assoluzione per il suo assistito.

Aveva infatti addotto la possibilità che costui avesse deciso di allontanarsi e abbandonare i figli piccoli. La Corte l’ha invece ritenuto colpevole di omicidio premeditato aggravato, sottrazione e distruzione di cadavere e atti persecutori. E ancora, maltrattamenti e violenza sessuale nei confronti della figlia Yasmine.

Le indagini sono state coordinate – scrive Onda News – dal Pubblico Ministero Mariacristina Bonomo di Sanza. Il magistrato svolge funzioni a Brescia da due anni, dopo aver svolto il tirocinio presso la Procura della Repubblica di Roma.

Laureata alla LUISS Guido Carli col massimo dei voti, ha conseguito anche un Dottorato di Ricerca. Dopo un’esperienza formativa a Washington D.C. e dopo aver lavorato presso un noto studio legale tedesco nella Capitale, ha intrapreso la formazione per accedere alla carriera di magistrato. Superato il concorso al primo tentativo, ha iniziato la carriera da Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Brescia.

Dopo sei mesi dall’aver preso funzioni, Mariacristina Bonomo si è confrontata con un’indagine che, partita dalla scomparsa di una donna, si è rivelata – secondo l’accusa – un omicidio in cui il corpo della vittima non è stato mai rinvenuto. Innanzi alla Corte d’Assise di Brescia ha esposto la sua requisitoria che ha convinto sia i giudici popolari che togati.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Giusto l ‘ ergastolo!!! Non giusto gli italiani autori di femminicidio che sono stati condannati a pene leggere!!!

  2. e la madre che ha ucciso la figlia a martellate pochi giorni fa? non conta? come la calcoliamo? femminicidio? ancora con queste assurde discriminazioni sul sesso? un morto ammazzato è un morto ammazzato, a prescindere da sesso, colore, stato sociale e quant’altro. basta con queste leggi discriminatorie! un uomo non ha né piu né meno diritto a non essere ammazzato senza motivo.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.