15nne accoltellato sul Lungomare da una baby-gang a Napoli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Le baby-gang continuano a seminare violenza e a tingere le strade della città di sangue.
Un quindicenne, Luigi D.R., mentre era in compagnia di amici sul Lungomare di Napoli, in via Caracciolo, è stato sorpreso alle spalle da una banda di ragazzini e pugnalato.

Nonostante perdesse abbondantemente sangue il giovane, il giovane ha deciso, poiché spaventato, di ritornare in treno a Villaricca, il suo luogo di provenienza, ed una volta giunto a casa il padre lo ha condotto all’ospedale di San Giuliano dove i medici gli hanno salvato la vita.

“Questo ennesimo atto criminale e vigliacco, che ha messo in serio pericolo la vita di un ragazzo, denota quanto le baby-gang siano un fenomeno dilagante e quanto siano vicine e ispirate al mondo della camorra e della malavita.

Chi parla di ragazzate e sminuisce il fenomeno si dovrebbe solo vergognare” – ha attaccato duramente il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli – “Serve tolleranza zero contro questo fenomeno che va combattuto con pattugliamento e videosorveglianza e con la presenza di operatori sociali e scolastici. Si può fare, però’, di più con la prevenzione allontanando i più giovani dalle loro famiglie di origine, quelle famiglie in cui legalità e criminalità sono gli unici valori che vengono trasmessi.

Sabato 25 gennaio alle 1030 è prevista la prima iniziativa di volantinaggio nel quartiere in previsione della manifestazione la settimana successiva nonostante le pressioni della camorra per non far aderire residenti e commercianti del posto”. Diverse associazioni stanno aderendo ed è stata chiesta anche la presenza di delegati delle forze di polizia.

“Uniti, forze democratiche, cittadini e commercianti, affinché – spiega il portavoce del comitato “Lenzuola bianche” Armando Simeone – si ripristini lo stato di diritti e legalità nell’area Porta Capuana e dintorni”. ” Le Istituzioni devono fare la propria parte, ma nessuno puo’ girare lo sguardo altrove , rispetto a questi atti violenti. Insieme ce la faremo, i nostri figli, i nostri nipoti hanno diritto di vivere in un quartiere dove ci sia legalità, non violenza e solidarietà umana” spiega il responsabile del circolo Pd del quartiere Mario D’Esposito.

“L’attuazione di progetti capillari che  rivolti al recupero di minori a rischio, la creazione di strutture socio – culturali e sportive , ed il lavoro all’interno delle scuole e delle parrocchie è  l’unico strumento che può dare speranza ai tanti ragazzi che non vogliono essere inghiottiti dalle sirene della violenza” conclude Raffaella Guarracino dell’associazione Associazione “Savio Condemi”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.