Meningite, come contrastare il contagio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Dopo la Toscana, qualche anno fa, ora sembra la volta della Lombardia. Il batterio colpisce sotto forma di micro-epidemie che compaiano in tempi ridotti e in aree geografiche ristrette. Pur essendo sostanzialmente stabile, in caso di “pressione immunologica“, ossia in presenza dei specifici meccanismi di controllo immunitario da parte dell’ospite, è capace di attuare una serie di impercettibili trasformazioni genetiche.

Questa sua capacità contribuisce a renderlo particolarmente “virulento” e temuto. Rispetto al batterio comune questo ceppo può assumere la capacità di oltrepassare con maggior facilità la barriera ematoencefalica. Così facendo provoca gravi meningiti e sepsi.

Ovviamente questi batteri “trasformati” sono molto più rari ma molto invasivi. In Italia i numeri di diffusione rimangono sempre bassi. Secondo il Servizio Sanitario Nazionale la vaccinazione è utile sia per il singolo che per la comunità. Permette infatti di limitare efficacemente il numero dei potenziali ospiti del meningococco.

I medici consigliano comunque di sottoporsi anche ad altre utili vaccinazioni per germi diversi però capaci di provocare la meningite, come lo pneumococco e l’ Haemophilus influenzae di tipo B. Meno preoccupanti sono invece le meningiti di origine virale.

L’ attenzione si deve concentrare sui contatti diretti della persona che ha sviluppato la malattia. Una volta rintracciati devono necessariamente sottoporsi ad una terapia antibiotica bene monitorata. Bisogna infatti accertarsi che nei dieci giorni seguenti il primo caso di contagio, non sviluppino i sintomi.

Per contatti diretti si intendono persone che sono state davvero fianco a fianco per qualche tempo, magari a scuola o al lavoro, con chi ha sviluppato l’infezione. Attenzione a non drammatizzare Ma soprattutto, non bisogna pensare alla vaccinazione solo in caso di allarme.

Il Sistema Sanitario Nazionale raccomanda fermamente di sottoporsi alle vaccinazioni raccomandate. Non bisogna dimenticarsi che il ciclo per il meningococco B si chiude tra il 13esimo e il 15esimo mese di vita, quando si fa anche la prevenzione vaccinale per il meningococco C. Inoltre si raccomanda di proteggersi anche durante la fase dell’adolescenza, precisamente nell’età tra i 12 e i 18 anni.

In questo periodo specifico bisogna sottoporsi al vaccino quadrivalente che protegge contro i ceppi C, A, W, Y. Potrebbe servire da richiamo per chi è stato vaccinato per il ceppo C. Infine si consiglia di preservare anche chi soffre di particolari malattie senza esagerare con l’ansia e l’emotività che possono creare solo falsi allarmismi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.