Elisoccorso, la Regione precisa: ‘Basi operative a Napoli e Pontecagnano»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
In merito alle notizie diffuse da alcuni organi di informazione, si conferma che l’elicottero del 118 destinato alla copertura delle richieste di pronto intervento per la zona sud della regione, continuerà ad avere come base operativa l’eliporto di Pontecagnano.  Lo scrive la Regione Campania in una nota ufficiale.

A sollevare il caso, tra gli altri l’europarlamentare Lucia Vuolo che in una nota aveva dichiarato: “La decisione di privare le province di Salerno, Benevento e Avellino del servizio di elisoccorso attivo a Pontecagnano Faiano è la dimostrazione che la sanità campana non ha ancora archiviato l’era del commissariamento”.

Così Lucia Vuolo, europarlamentare della Lega, commenta la decisione dell’Asl Napoli 1 che, dal 23 gennaio scorso, ha sospeso il servizio di elisoccorso in provincia di Salerno, che serviva anche i territori di Benevento e Avellino, per potenziare il servizio notturno dell’area napoletana e, in particolare, di Capri. “Se questo è il modo di gestire la sanità siamo davvero a un punto di non ritorno – ha detto la Vuolo -. In questo modo si scopre un territorio che conta 1.797.526 di abitanti.

Di chi sarà la colpa se ci troveremo davanti a delle tragedie annunciate? Capisco la smania di voler fare campagna elettorale, ma privare tre province di un servizio che era attivo dal 2002 è davvero un record negativo che questa amministrazione regionale aggiunge a quelli già ottenuti in questi mesi”.

Una questione su cui la Vuolo si aspetta subito un dietrofront da parte degli organi preposti: “Il diritto alla salute va garantito. Se c’è bisogno di un altro elicottero sulla provincia di Napoli si eliminino gli sprechi che in questi anni la buona politica ha denunciato in Regione e si ripristini subito il servizio sospeso dal 23 gennaio scorso – ha continuato l’europarlamentare -.

Non si possono accettare scelte dall’alto, per mere strategie elettorali, che mettono a rischio la vita della gente. In questo modo un cittadino del Cilento, della Costiera amalfitana, della bassa Irpinia o dell’Alto Sannio sono già condannati a morte per un servizio indispensabile che ci dimostra come la Campania non sia uscita dal commissariamento della sanità”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.