Dopo due mesi di lockdown a Hong Kong riecco il Covid: di nuovo tutti a casa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Con 32 nuovi casi di infezione che portano il totale dei contagiati da Covid-19 a 714, Hong Kong si rimette in quarantena. Così, dopo due mesi di lockdown, quando l’emergenza sembrava ormai definitivamente alle spalle, i numeri diffusi dal Centro per la protezione della salute costringono le autorità a una nuova serrata. Sotto accusa cittadini europei e nordamericani che in pochi giorni hanno fatto triplicare il numero dei positivi. E l’incubo del contagio torna anche nella Cina continentale, dove 600mila persone sono in isolamento nella contea di Jia.

Si svuotano, dunque, le strade che stavano tornando lentamente alla normalità anche con il transito dei mezzi pubblici. Di nuovo è serrata per negozi e uffici. Chiuso agli stranieri l’aeroporto. Rimesse restrizioni su riunioni, assembramenti e vita notturna.

Annullati così anche i concerti, dopo che 43 infezioni sono state collegate a eventi di musica dal vivo, come riferisce il Guardian. I live incriminati si erano tenuti a Tsim Sha Tsui, Wan Chai e Lan Kwai Fong. I musicisti delle band sono tra i pazienti.

Dall’Australia al Cile, dalla Romania agli Usa, come il mondo affronta il Coronavirus

Nel mondo sono oltre 2,6 miliardi le persone costrette a casa a causa delle restrizioni dovute all’epidemia di coronavirus. Ecco, nelle foto più belle, come viene affrontata la crisi ai quattro angoli del pianeta.
 

 

Isolamento per 600mila nell’Henan La contea di Jia, nell’Henan confinante con l’Hubei (l’epicentro della pandemia), è stata sottoposta a isolamento: i residenti dell’area, circa 600mila, dovranno avere permessi speciali per uscire di casa e per andare al lavoro, sottoponendosi a controllo della temperatura corporea e indossando le maschere facciali. Il South China Morning Post, citando un funzionario locale dei trasporti, ha confermato le misure contro l’ipotesi di una “ondata di ritorno”. A livello locale, inoltre, tutte le aziende sono state chiuse, a eccezione delle utility, di quelle che producono materiale sanitario, degli operatori della logistica e delle aziende attive nel settore degli alimentari. Disposta, invece, l’apertura di supermercati, farmacie, stazioni di benzina ed hotel.

 

La temuta ondata di ritorno in Cina, oltre che al fenomeno dei casi importati dall’estero, è legata alla presenza degli asintomatici, a coloro cioè che risultano contagiati dal coronavirus ma che non mostrano nell’immediato i segnali tipici dell’infezione.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.