Parla il ragazzino aggredito a Napoli: “Ho avuto paura, ho pensato ai miei genitori”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ha 13 anni il ragazzino che è stato aggredito da un gruppo di bulli in un parco dei Colli Aminei. Grazie al video, girato da uno dei membri della gang e diventato virale sui social, la polizia postale è riuscita a identificare i responsabili e a denunciarli, sono tutti minorenni. La vittima ha raccontato cosa è accaduto in un’intervista a Il Mattino.

l racconto della vittima della violenza ai Colli Aminei
Ha spiegato che è caduto in una trappola, aveva appuntamento con uno dei suoi aggressori e quando è arrivato, si è trovato accerchiato da 10 ragazzi. Il litigio è nato su una chat, dove il tredicenne ha avuto una discussione con uno dei minori che poi l’ha malmenato. Pensava che quell’incontro sarebbe dovuto essere un chiarimento e invece si è rivelato in un’imboscata.

“C’era stato un litigio in una chat, ci eravamo insultati reciprocamente, poi lui mi ha invitato a vederci nel parco La Pineta, dove ci sono i giardinetti, a pochi passi dalla Chiesa. Ci sono andato e ho capito che era una trappola“.

Il tredicenne ha raccontato la paura vissuta, spiegando che l’aggressione è durata anche di più di quanto si vede nel video: “Erano una decina, mi hanno circondato e non avevo alcuna possibilità di difendermi. Ho capito subito cosa stava accadendo, ho avuto paura e ho solo cercato di evitare il peggio“. Il ragazzo ha poi detto di aver chiesto scusa più volte, come si vede nel filmato, ma non è riuscito a evitare che lo picchiassero.

Ha provato a evitare i colpi senza reagire, ha pensato ai suoi genitori: “Ho pensato a mio padre, che è un lavoratore ed è dedito al volontariato, alla mia famiglia. Non volevo dargli una brutta notizia, tipo che mi ero messo in un pasticcio, non volevo deluderlo”. Ha provato in tutti i modi a cercare una via di fuga, ma purtroppo non c’è stato modo di scappare da quell’aggressione: “Speravo che qualcuno intervenisse, mentre cercavo solo una via di fuga. Per il resto ho sempre sperato di non mettermi nei guai”.

Il padre gli ha detto che si è comportato bene e che non deve avere vergogna per quello che è accaduto, perché è solo una vittima. Per i suoi aggressori ha un pensiero: “Non capisco che tipo di soddisfazione ci può essere nel picchiare una persona che non si può difendere. Erano dieci contro uno, come si fa a non provare vergogna per quelle immagini”.

fonte VocediNapoli.it

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.