Effetto lockdown sui bambini: “Hanno attacchi d’ansia e paura del buio”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
Si pensava bastasse chiudere i nostri figli in casa per proteggerli. I pediatri ne decantavano le mille risorse di adattamento, molto più spiccate che nei genitori.

E sembrava facile all’inizio. Tra lezioni on line, divano e tv, pizza fatta in casa assieme a mamma e papà, le giornate volavano.

Ma invece di proteggerli li abbiamo soffocati i nostri figli: la pandemia si è aperta con il divieto di comprare i pennarelli per i loro disegni, non considerati tra i beni primari, e si è chiusa con centri estivi un po’ si e un po’ no, per lo più inaccessibili.

E ora loro ci presentano il conto, con uno sfogo su tutto quel che non va nella loro vita. Perché non dimentichiamo che, a sei anni, tre mesi di lockdown vogliono dire «sempre», e non sono solo un periodo un po’ strano. Hanno sofferto i nostri bambini e soffrono ancora: disturbi del sonno, attacchi d’ansia, aumento dell’irritabilità, pipì a letto. Ci stanno dicendo che vivere h24 nel nido li fa tornare un po’ più piccoli, che tutti i discorsi sentiti sul virus li hanno terrorizzati, che diventare grandi fa paura.

A raccontare la profondità della sofferenza dei nostri bimbi è un’indagine sull’impatto psicologico della pandemia Covid-19 nelle famiglie in Italia promossa dall’Irccs Giannina Gaslini di Genova e guidata dal neurologo Lino Nobili, che dirige il dipartimento di Neuropsichiatria infantile dell’istituto.

Il questionario è stato raccolto a quindici giorni di distanza dall’inizio del lockdown, tra il 24 marzo e il 3 aprile. Dall’analisi delle risposte è emerso che la situazione di isolamento ha determinato una condizione di stress con ripercussioni non solo sulla salute fisica ma anche su quella emozionale-psichica, sia dei genitori che dei figli.

Durante il lockdown il 65% dei bambini sotto i 6 anni e il 71% di quelli sopra i 6 anni «hanno avuto problemi comportamentali e sintomi di regressione» emerge dai questionari sottoposti a 3.245 famiglie con figli sotto i 18 anni a carico. Per i bambini under 6 anni, precisa l’indagine, i disturbi più frequenti sono stati l’aumento della irritabilità, disturbi del sonno (paura del buio, risvegli notturni, difficoltà di addormentarsi) e ansia (inquietudine, ansia da separazione).

Mentre nei bambini e ragazzi dai 6 ai 18 anni è prevalsa una sensazione di mancanza d’aria o fiato corto e una significativa alterazione del ritmo del sonno (con tendenza ad andare a letto molto più tardi e non riuscire a svegliarsi al mattino), oltre che un’aumentata instabilità emotiva con irritabilità e cambiamenti del tono dell’umore.

«La ricerca è un ulteriore stimolo a recuperare al più presto, pur con le necessarie precauzioni, le opportunità di interazione diretta tra coetanei, strumento essenziale per lo sviluppo emotivo e l’acquisizione di competenze» osserva lo psichiatra Fabrizio Starace, membro della task force di Vittorio Colao per la ripartenza economica e sociale del Paese.

«È importante essere consapevoli di quanto le misure assunte dal governo di chiusura e isolamento, che pure hanno messo in sicurezza la salute delle famiglie italiane, abbiano pesato su bambine, bambini e adolescenti – spiega la sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa – Sono loro quelli che hanno pagato un prezzo particolarmente alto durante il lockdown.

Non poter andare a scuola, non poter vedere le proprie maestre e i propri compagni di classe, non poter correre e giocare in un parco con i propri amici li ha certamente penalizzati. Per questo dobbiamo oggi fare in modo di accompagnarli per mano fuori per far ritorno a una quotidianità che vorremmo fosse la più bella e sicura possibile.

Dobbiamo fare in modo che alla fine di un’esperienza che ricorderanno per tutta la vita, si sentano più forti e sicuri, consapevoli che si può combattere e vincere anche una battaglia difficilissima come quella che abbiamo condiviso contro il coronavirus».

fonte IlGiornale.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. ringraziate Conte e tutti i governatori che hanno inasprito ancor piu l’inutile assassinio dell’economia italiana e locale. Grazie di cuore.
    Nota: i paesi che non hanno chiuso tutto stanno meglio di noi! sappiatelo.
    Mortalità
    Italia: 0,057%, Svezia: 0,047%, Brasile: 0,021%, Tanzania: 0,000036%… VERGOGNATEVI voi mascherati e i vari sceriffi. E questo lo si sapeva da settimane, molti di noi lo hanno detto anche qui fin da febbraio.

  2. Gino, dove peschi i tuoi dati? Da un cappello a cilindro? Da qualche sito complottista?
    Dati Wikipedia e Google del 16/06/2020, mortalità da covid in Brasile al 4,9%, in Svezia 9,2%

  3. x anonimo, i dati quelli di gino sono, parla di mortalità non letlità. e poi perchè non scrivi pure quelli dell’italia dalla tua approfondita ricerca?? forse perchè si capirebbe che conte e deluca e fontana e tutti gli altri ci hanno ammazzato chiudendoci in casa? visto che gli altri senza chiusure stanno meglio, molto meglio. e voi state ancora con quelle parole in bocca senza capire che siete stati presi per cu … lo da certi politici al governo, e non solo in italia. grazie al tuo duce locale in regione stanno ancora tutti mascherati pure per uscire da soli per strada con 40 gradi al sole, roba da omicidio di stato

  4. Sei ridicolo, falsifichi i dati pur di auto convincerti, purtroppo anche il Brasilecon 700 morti al giorno( e dati alquanto opinabili) supererà l’Italia…vatti a ricoverare …

  5. Mi sa che lo scopo del governo era anche questo. ….d’altronde in un paese dove governano porci-politici NON eletti dal popolo e dove dettano legge Lgbt, arcigay, associazioni pro gay e pedofilia, Vendola e Boldrini, ed il popolo sottomesso usa la museruola anche in casa propria ormai, in che futuro possiamo ambire per i nostri figli?

  6. X X Gino Covid 22:16, la tua ignoranza non tiene limiti. Se pure il brasile supera l’italia, lo sai che ha piu di 210 milioni di abitanti mentre l’italia 60 milioni? proprio non ci arrivate a capire? abbiamo quasi gli stessi morti ma loro hanno quasi quattro volte la popolazione nostra e non hanno chiuso come noi. E poi quali sarebbero i dati tuoi, quelli della durso? in base a cosa dici che sono falsi?
    eccheccazz ma sit sciem??

  7. Insomma, il covid non esiste, e se esiste è una passeggiata di salute.
    Almeno a giudicare dai commenti dei soliti due o tre che si leggono qui sopra.

    E pensare che respiro la loro stessa aria…

  8. 13.15 infatti la respiri, respiri la stessa aria pure se stai chiuso in casa, e non sei morto! chiediti perchè, forse ci arrivi pure tu

  9. 13.15 la vostra testa ha smesso di ragionare da tempo. Per voi o una cosa è tutta vera o tutta falsa. Roba da ragionamento di un protozoo! Dire che esiste non vuol dire che debba essere il motivo per bloccare un paese, come pure non vuol dire che sia più mortale di qualunque altra cosa, come pure non vuol dire che è una passeggiata di salute.
    Forse non sei mai stato in un ospedale, altrimenti vedresti quante malattie VERE e serie non sono una passeggiata di salute, ma grazie a quelli come te i malati di queste patologie sono stati rimandati a casa e non visitati.
    Questo virus, così come appare fino ad oggi, non è nulla di che: è solo un virus che è stato trattato nel modo sbagliato per colpa dell’oms e di pochissimi “medici” che comandano in alto..
    Poi, se INVECE questo virus è ingegnerizzato in laboratorio, e nasconde collegamenti con onde elettromagnetiche che ne possono cambiare, o mutare, o addirittura gestire a piacimento il comportamento.. allora è diverso il discorso. Ma questo è sicuramente falso! quindi vale la prima parte.. o forse no? stai ammettendo che è valida la seconda? tu lo dici!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.