De Luca: “I contagiati di Mondragone in strutture sanitarie, focolaio fermato”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
37
Stampa
“Come comunicato dall’Unità di Crisi, il dato di oggi fa registrare in Campania zero contagi, zero decessi, zero ricoveri in terapia intensiva, a fronte di 3.151 tamponi.

Per quanto riguarda il focolaio di Mondragone, nelle cinque palazzine messe in quarantena i casi positivi sono tutti stati trasferiti in strutture sanitarie, e la signora che ha partorito la settimana scorsa, nella struttura ginecologica “Covid” realizzata al Policlinico Federico II. Cioè in tutte e cinque le palazzine oggi non vi è nessun abitante positivo. Continuerà nei prossimi giorni lo screening per gli abitanti nelle aree contigue. Sino ad ora, sui 400 tamponi processati dei circa mille cui si sono sottoposti volontariamente i cittadini, nessun caso positivo.

La quarantena durerà fino al completamento dei 14 giorni, nel corso dei quali nessuno dovrà entrare o uscire dalle palazzine in questione. Al termine della quarantena si ripeteranno i tamponi su tutti i 750 residenti per avere e dare il massimo delle garanzie di sicurezza. Sono state create con misure tempestive e rigorose le condizioni per spegnere immediatamente il focolaio, anche grazie all’intervento massiccio delle forze dell’ordine e dell’Esercito da me richiesto già lunedì scorso”.

Lo comunica il governatore della Campania Vincenzo De Luca

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

37 COMMENTI

  1. Ho nominato solo quelle zone per fare un esempio, essendo con minor abitanti in caso di focolaio come avvenuto a bergamo, potevano avere molti più morti rispetto ad una grande metropoli. Quello che contesto e che molte persone attribuiscono il “contenimento” del virus a de luca, quando in realtà il vitus c’è stato ( ma è arrivato in percentuale minore) rispetto a regioni come Lombardia ed Emilia Romagna. Tu mi dirai si ma anche lì i medici non sapevano che pesci prendere le terapie intensive erano piene. Ospedali del nord dove hanno saputo gestire al meglio l’epidemia. Lascio immaginare a te se ciò fosse avvenuto in Campania. (con la sanità che ci ritroviamo)

  2. solo i classici ignorantoni possono abboccare alle panzane di sto cafoncello. il lanciafiamme contro gli studenti mentre per il resto, sembra il pecorone di sopra le colline. niente è vero, solo propaganda, non vi fate ingannare

  3. Se l’alternativa sono Caldoro la mummia,la Ciarambino che parla con slogan come Salvini ,il quale non capisco che ci appizza in Campania…chi si vota?!…chiaramente De Luca..e lo voteremo in tanti .più di quello che credete

  4. Raga scusate ma ci rendiamo conto che in Campania hanno chiuso ospedali strutture sanitarie ecc e da pazzi. Perché sottostare sempre al nord perché andare a curarsi al nord. E da chi sono
    stati fatti i tagli di queste strutture.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.