Oltre duemila euro di multa per chi ha mentito sulle autocertificazioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
Il reato contestato è quello previsto dall’articolo 483 del Codice penale: falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico e la pena base va da due mesi di reclusione, ridotta e convertita in oltre duemila euro di multa.

“Non si tratta di una sanzione amministrativa – come spiega il Sole 24ore  – ma di una condanna convertita in multa che finisce nel casellario giudiziale”. Stiamo parlando delle sanzioni a carico dei furbetti dell’autocertificazione, quelli che durante il primo lockdown avevano dichiarato il falso. Per molti di loro cominciano ad arrivare i decreti di condanna: multe salate e, in alcuni casi, fedina penale macchiata.

Per la Corte di Cassazione le dichiarazioni sostitutive, se rese a un pubblico ufficiale, possono configurare il reato di falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. Prendiamo il caso di gruppi di ragazzi sorpresi a chiacchierare o a fumare in strada, che durante il primo lockdown, per evitare la sanzione, avevano dichiarato (falsamente) di svolgere attività motoria vicino a casa.

Per scongiurare il decreto del Tribunale, sicuramente avrebbero fatto meglio allora a dire la verità, magari ammettendo di non avere un giustificato motivo per stare in giro: avrebbero rischiato una sanzione amministrativa da 400 a 1.000 euro, come previsto dalla legge 35/2020 (di conversione del Dl 19/2020) e non una condanna penale, che scatta invece quando si dichiara il falso a pubblici ufficiali.

Inoltre, se il decreto ricevuto non viene impugnato entro 15 giorni dalla notifica, il giudice ne ordina l’esecuzione, quindi la fedina penale potrebbe rimanere irrimediabilmente macchiata.

La pena base indicata nei decreti penali di condanna è di due mesi di reclusione, ridotta per il rito e convertita in oltre duemila euro di multa. Una riduzione e una conversione che non significa “annullamento”, perché non si tratta di una sanzione amministrativa (come nel caso di una multa per divieto di sosta) bensì, appunto, di una sanzione penale che resta sul casellario giudiziale, con tutto ciò che ne consegue. Una situazione da tenere nella massima considerazione, soprattutto oggi, in vista delle nuove misure anti-covid e nelle condizioni di un secondo lockdown.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Però a Lampedusa continua ad arrivare di tutto per poi andare ad ammazzare in giro per il mondo… e noi agli arresti domiciliari… ma fatemi il piacere… poi vi chiedete perché la gente voterà Salvini tra 2 anni?

  2. Io consiglio di sparare direttamente a chi sta in strada, per la gioia dei babbeoti museruolati sottomessi e lobotomizzati che ormai “vivono” solo per glorificare San Covid protettore degli appestati e ricordare a tutti gli altri che si muore solo di Covid

  3. Per anonimo
    Ciò non toglie che la legge la dobbiamo rispettare.
    Che poi vinca chi dici tu, me lo auguro anche io.

    Non censurate, grazie.

  4. Non si può partecipare a concorsi pubblici e anche l’assunzione da parte di privati è compromesso se richiedono un attestato che qualifichi la mancanza di condanne penali,oltre a una serie di rogne successive per qualsiasi cosa

  5. No io non me lo chiedo, lo so benissimo. La risposta è che sono tutti decerebrati come l’anonimo delle 11.33 che in un articolo dove si parla di italiani che infrangono il codice penale tira in mezzo gli immigrati che annegano a mare e salvini che ha fatto finta di non farli arrivare. Semplicissimo.

  6. E mo so cazzi X tutti quelli che sono stati sanzionati a Salerno e continuano pure a fare gli spiritosi

  7. C4zzata non è vero, non firmate nessuna autocertificazioni sono tutte anticostituzionali e verranno tutte, TUTTE, annullate a breve.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.