Un capodanno anomalo (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Fu Giulio Cesare a stabilire che l’anno iniziasse il 1° gennaio anziché il primo giorno di marzo, come voleva il calendario di Numa – in vigore sino ad allora – e a stabilire la ricorrenza secondo cui in quel giorno i Romani organizzavano pranzi con amici, scambiandosi in dono un vaso bianco con mele, datteri e fichi, accompagnati da strenne (ramoscelli d’alloro) quale augurio di fortuna e felicità.

Un capodanno anomalo quello appena festeggiato dagli italiani: zona rossa, lockdown, coprifuoco, piazze vuote, chiusura di bar e ristoranti, ma anche limiti agli ospiti nelle case private. Da una indagine di Coldiretti/Ixe’ emergono dati curiosi e interessanti.

Più di un italiano su cinque (22%) è andato a dormire prima della mezzanotte, senza preoccuparsi dei tradizionali botti; mentre il 60% ha aspettato almeno il rintocco delle lancette e un 18% non ha rinunciato, invece, a restare alzato fino a tarda notte.

Secondo la organizzazione degli agricoltori, le limitazioni hanno spinto tanti di noi ad andare prima a letto forse anche per la voglia di lasciarsi alle spalle, al più presto, un 2020 ricco soprattutto di rinunce, preoccupazioni e fatti dolorosi.

Con il riposo anticipato, in molti hanno rinunciato anche al tradizionale brindisi di mezzanotte con il risultato che in questo scorcio gli italiani han fatto saltare appena 63 milioni di tappi di spumante nelle feste di fine anno, il minimo del decennio per effetto di un taglio del 15% rispetto a 12 mesi fa.

Tra i riti scaramantici si riscopre il tradizionale consumo di lenticchie chiamate a portar fortuna sul 78% delle tavole di fine anno, spesso accompagnate dal cotechino o zampone presenti sul 66% delle stesse. Ma anche la frutta Made in Italy è stata protagonista di nostri cenoni, con tanti italiani che hanno puntato sulla benaugurante uva, presente in sei tavole su dieci (61%).

Le statistiche e i numeri, benché sovente freddi e talvolta spietati, raccontano molto più di ciò che mostrano. In questi lunghi mesi hanno, peraltro, messo in luce i nostri non pochi sacrifici, d’ogni genere. Sarebbe ora che il tempo restituisca a tutti e ciascuno il maltolto e ci risarcisca in termini di buona sorte. Il nostro dovere è e resta, comunque, quello di agevolargli il compito.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.