Iss: indice Rt nazionale sale a 0,95. Brusaferro, Variante Inglese vola

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’indice Rt nazionale è salito a 0,95. Il dato emerge dal monitoraggio dell’Istituto superiore di Sanità e del ministero della Salute. La scorsa settimana l’indice era a 0,84. Il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro mette in guardia dalla variante inglese, che “in 5-6 settimane potrebbe sostituire il virus ora in circolazione”. E avverte che “la popolazione più giovane sta contraendo l’infezione ed è un fenomeno che stiamo analizzando”.

Dai dati emerge che in Umbria e nella provincia autonoma di Bolzano il rischio è classificato come alto e che in 7, tra Regioni e province autonome, l’Rt puntuale ha superato l’1. Le sette Regioni con Rt superiore a 1 sono Umbria, Toscana, Puglia, le Province autonome di Trento e Bolzano, la Liguria e l’Abruzzo.

 

Solo Sardegna e Valle d’Aosta hanno una bassa incidenza di casiSolo Sardegna e Valle d’Aosta hanno un’incidenza settimanale sotto i 50 casi per 100.000 abitanti (soglia oltre la quale il servizio sanitario ha mostrato i primi segni di criticita’); l’incidenza supera invece la soglia di 250 casi per 100.000 abitanti in tre zone: PA Bolzano (770,12 per 100.000 abitanti), PA Trento (254,85 per 100.000 abitanti) e Umbria (283,28 per 100.000 abitanti). L’incidenza a livello nazionale negli ultimi 14 giorni rimane sostanzialmente stazionaria: 269,79 per 100.000 abitanti (25/1-07/2) contro 273,01 precedente.

 

Diffusa la circolazione di varianti nel nostro Paese – L’Istituto superiore di sanità segnala che “in questa fase delicata dell’epidemia si conferma la circolazione diffusa di varianti virali a più elevata trasmissibilità nel nostro Paese”.

 

Rezza: “Preoccupano le varianti, velocizzare le vaccinazioni” – La situazione “più preoccupante” di questa fase di transizione dell’emergenza Covid “è la presenza di varianti virali”. E’ quanto afferma il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, aggiungendo che le mutazioni sudafricana e brasiliana “possono ridurre parzialmente l’efficacia dei vaccini, quindi dobbiamo sbrigarci nelle vaccinazioni. Non bisogna allentare le misure di prevenzione e controllo”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.