Green pass Covid, tutto quello che c’è da sapere

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Da poco più di due settimane è stato introdotto in Italia il green pass, il documento che certifica l’avvenuta vaccinazione contro il Covid, oppure l’avvenuta guarigione, o ancora un test recente con esito negativo. Il green pass facilita la partecipazione a eventi pubblici, l’accesso alle strutture sanitarie assistenziali (Rsa) e gli spostamenti sul territorio nazionale. Dal 1° luglio è diventato valido come Eu digital Covid certificate e rende più facile viaggiare tra Stati dell’Unione Europea

La Piattaforma nazionale digital green certificate, questo il nome ufficiale del Green Pass, è regolamentata da un Dpcm firmato dal presidente del Consiglio Mario Draghi, che ha definito le modalità di rilascio

Il decreto specifica poi che le “certificazioni verdi Covid-19, rilasciate in conformità al diritto vigente negli Stati membri dell’Unione europea, sono riconosciute come equivalenti a quelle rilasciate in ambito nazionale, se conformi ai criteri definiti con circolare del ministero della Salute”. Con la firma del Dpcm si realizzano le condizioni per l’operatività del Regolamento Ue sul green pass, che a partire dal 1° luglio garantisce la piena interoperabilità delle certificazioni digitali di tutti i Paesi dell’Unione

COME AVERLO – Il green pass si ottiene a 14 giorni dalla prima dose di un vaccino AstraZeneca, Pfizer o Moderna. Il governo sta però valutando se modificare questo requisito in modo da rilasciare il documento solo dopo la seconda dose, a causa della preoccupazione per la variante Delta. In caso di vaccinazione Johnson&Johnson il problema non sussiste perché è monodose. Il certificato si può ottenere anche essendo in possesso di un tampone molecolare o antigenico con esito negativo nelle 48 ore precedenti o, per sei mesi, dopo la guarigione

COME SI SCARICA – Le certificazioni verdi Covid-19 sono a disposizione dei cittadini attraverso i seguenti strumenti digitali: sito web dedicato, sia attraverso accesso con identità digitale sia con autenticazione a più fattori; Fascicolo Sanitario Elettronico; App Immuni; App IO; Sistema TS, per il tramite di operatori sanitari autorizzati

Il green pass contiene un QR Code che ne verifica autenticità e validità: a tutela dei dati personali andrà mostrato soltanto al personale preposto per legge ai controlli

È possibile ottenere il green pass anche in formato cartaceo. I documenti possono essere richiesti al proprio medico di base, al pediatra o in farmacia, utilizzando la propria tessera sanitaria

Tutti i tipi di pass rilasciati (vaccinazione, guarigione, test negativo) riportano i seguenti dati: cognome e nome; data di nascita; malattia o agente bersaglio: Covid; struttura che ha rilasciato il certificato e identificativo univoco del certificato

Per quanto riguarda la certificazione di avvenuta vaccinazione, riporta le seguenti informazioni: tipo di vaccino somministrato; denominazione del vaccino; produttore o titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio del vaccino; numero della dose effettuata e numero totale di dosi previste per l’intestatario del certificato; data dell’ultima somministrazione effettuata e Stato membro in cui è stata effettuata la vaccinazione

La certificazione di avvenuta guarigione dal Covid-19, invece, riporta le seguenti informazioni: data del primo test molecolare positivo; Stato membro che ha effettuato il primo test molecolare positivo; data emissione certificato verde Covid-19 e data scadenza certificato verde Covid-19

La piattaforma nazionale, infine, rilascia la certificazione verde Covid-19 di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo che riporta le seguenti informazioni: tipologia di test effettuato; denominazione del test; produttore del test; data e ora del prelievo del campione per il test; data, orario e risultato del test; Stato membro in cui è stato effettuato il test

GREEN PASS ANCHE PER I BAMBINI – Anche i bambini possono ottenere il green pass, visto che l’Ema ha dato il via libera all’uso del vaccino BioNTech Pfizer per i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni. I bambini possono inoltre ottenere un tampone negativo o un certificato di guarigione. I bambini sotto i 6 anni di età sono esentati anche dai tamponi. Dai 6 anni in su, invece, bisognerà avere il tampone negativo o la certificazione di avvenuta guarigione. L’età minima per la richiesta della documentazione è due anni

QUANDO SERVE – Il green pass potrà essere richiesto in alcune situazioni. Il dpcm sul green pass autorizza il controllo del certificato da parte delle forze dell’ordine e dei pubblici ufficiali nell’esercizio delle proprie funzioni. Potrà verificare il certificato anche il personale delle compagnie aeree, marittime o dei trasporti. Nel caso di eventi artistici e di intrattenimento (concerti, spettacoli, ecc.), sportivi, o banchetti di nozze, avranno diritto a controllare la documentazione i gestori dei locali pubblici o dei luoghi dove si svolgono questi eventi

Il certificato è necessario per spostarsi verso regioni arancioni o rosse, anche se al momento in Italia non ce ne sono

Il green pass è necessario poi per far visita agli ospiti nelle residenze sanitarie assistenziali e in tutte quelle strutture che offrono prestazioni sanitarie, socio-sanitarie e assistenziali

Per partecipare al banchetto di un matrimonio servirà il green pass, anche se il ricevimento si svolge all’aperto

VIAGGI ALL’ESTERO – Il pass europeo (che è ottenibile in quanto il green pass italiano è interoperabile) renderà più semplice viaggiare da e per tutti i Paesi dell’Unione europea e dell’area Schengen, evitando per esempio a chi lo presenta la quarantena obbligatoria

Per recarsi in un Paese europeo non basta però aver effettuato una sola dose di vaccino. Per spostarsi nei Paesi Ue e in area Schengen è necessario aver effettuato da almeno 14 giorni la seconda dose di AstraZeneca, Pfizer o Moderna o l’unica somministrazione di J&J

SPETTACOLI E CONCERTI – I gestori e organizzatori di spettacoli e concerti potranno richiedere, come stabilito dal dpcm green pass, di mostrare il certificato. Al momento però la questione non è ancora stata regolamentata, quindi allo stato attuale non è dato sapere se o in quali occasioni il green pass sarà obbligatorio per accedere a questi eventi

L’Unione Europea intanto sta incitando gli Stati membri ad accordarsi per adoperare il documento per garantire in sicurezza l’ingresso a concerti, festival, teatri e ristoranti

DISCOTECHE – Resta il nodo delle discoteche: in Italia non c’è ancora una data definitiva per la riapertura e non è ancora certo se servirà presentare il green pass per entrare, anche se la linea del governo sembra andare in questa direzione

Il sottosegretario alla salute Costa ha spiegato che nel caso di manifestazioni sportive, in particolare per le partite di calcio, molto probabilmente sarà richiesta la presentazione della certificazione per accedere agli impianti

IL RISCHIO CYBERCRIME – Sul green pass c’è il rischio cybercrimine: secondo l’allarme degli esperti di cybersicurezza le informazioni personali contenute nel QR code del certificato potrebbero essere usate per attacchi mirati e furti d’identità. Inoltre, la polizia postale ha segnalato la circolazione di falsi messaggi WhatsApp che invitano a scaricare falsi green pass inserendo i propri dati

Il consiglio è di non condividere il Qr code se non necessario, evitare sempre l’apertura automatica di una pagina dal QR code e accertarsi che il QR code arrivi da una fonte accreditata

PROBLEMI CON VACCINAZIONE ETEROLOGA – Un’altra criticità emersa negli ultimi giorni riguarda il green pass per chi ha effettuato una vaccinazione eterologa, permessa a partire dal 13 giugno. C’è chi, pur avendo completato il ciclo, ha ottenuto un certificato che registra una sola dose. Il ministero della Salute ha fatto sapere che “il problema è in via di risoluzione”.  Secondo il ministero, stanno provvedendo le Regioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Fate la selezione? No problem io rimango a casa (siamo circa 8 milioni ) e il commercio morirà. Divertitevi.

  2. Giusto, un babbeota museruolato sottomesso e lobotomizzato deve essere “schedato”, i covid lovers e Waccino lovers non possono essere considerati come “persone normali”, quindi giusto marchiarli.
    D’altra parte è proprio quello che vogliono le foche canterine…..

  3. Qualcuno della redazione o qualche ebete parassita può cortesemente avvisare Papino, il Grande Bluff, che il Ministero della Salute ha inviato ai cittadini, via mail ed a costo zero, la Certificazione verde Covid-19 che è possibile stampare comodamente a casa propria?
    Potete anche dirgli, a Papino il Grande Bluff, che può evitare di fare inviare ai cittadini la mail informativa per ritirare la tessera vaccinale Covid-19 della Regione Campania?
    Questa tessera era ed è praticamente inutile, non conforme ai requisiti della tutela della privacy ed è costata parecchi soldini pubblici.
    Tra l’altro vengono impegnati, sul territorio regionale, anche gli addetti alla consegna delle suddette inutili card con altro ulteriore spreco di soldini pubblici.
    Potete fare questo piacere ai cittadini campani per risparmiare il più possibile gli sprechi di Papino, il Grande Bluff?
    GRAZIE

  4. Sapere che Runner sta a casa è un sollievo per l’intera umanità….una minaccia in meno per le sane vacanze…

  5. 12:53 – Mi raccomando, ricordati di farti la terza dose quando torni. Poi a dicembre la quarta. Sei sei ancora vivo, ovviamente

  6. Sempre per Runner vai a cagare… C O G L I O N E… resta pure nella tua amata Salerno, buco di culo del mondo, vedi sul lungomare puoi ammirare gli scoiattoli… Ah no! Dimenticavo, so Z O C C L… Ti mando una cartolina dal prossimo viaggio dai 🌏

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.