Covid e variante Delta, quali regioni potrebbero cambiare colore dal 26 luglio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Anche in Italia la curva epidemiologica torna a salire, nella maggior parte dei casi a causa della diffusione della variante Delta del coronavirus. Se nessuna regione cambierà colore dal 19 luglio, la situazione potrebbe cambiare a partire dalla settimana successiva

Il 26 luglio potrebbe essere la data nella quale alcune zone dell’Italia torneranno a tingersi di giallo con la reintroduzione di alcune restrizioni. Si guarda con attenzione l’incidenza dei casi di ogni regione: sopra i 50 contagi ogni 100mila abitanti in una settimana si esce dalla zona bianca

Attualmente le regioni che rischiano di passare alla zona gialla sono la Sardegna, con un’incidenza di 33,2; la Sicilia, 31,8; il Veneto, 26,7; il Lazio, 24; la Campania, 21,7

Non c’è ancora nulla di certo perché alcune regioni hanno visto l’incidenza diminuire da una settimana all’altra e perché i parametri potrebbero cambiare. Il ministro della salute Roberto Speranza ha affermato che peserà di più il numero dei ricoveri sul passaggio da un colore all’altro di ogni territorio

“In una fase caratterizzata da un livello importante di vaccinazione è ragionevole che nei cambi di colore e nelle conseguenti misure di contenimento pesi di più il tasso di ospedalizzazione rispetto agli altri indicatori”, sono le parole di Speranza

Dal monitoraggio Iss del 16 luglio si rileva che “il quadro generale della trasmissione dell’infezione da virus SARS-CoV-2 torna a peggiorare in quasi tutte le Regioni e province autonome classificate a rischio epidemico moderato”. A rischio basso ci sarebbero solo Valle d’Aosta e provincia di Trento

A preoccupare è la variante Delta che gli esperti ritengono possa diventare la prevalente in Italia e che, in altri Paesi con un’alta copertura vaccinale, ha portato a un aumento dei casi. Per contrastarla bisognerebbe realizzare un capillare tracciamento e sequenziamento dei casi

Per quanto riguarda le regole nelle varie zone che escono dalla zona bianca, le misure potrebbero cambiare con una differenziazione tra coloro che sono vaccinati e chi non ha ancora ricevuto le dosi

Il Governo sta valutando se regolare gli accessi ai luoghi pubblici, ai ristoranti, ai bar e agli eventi limitandoli a chi ha il green pass, sul modello francese. L’ingresso sarebbe permesso, in questo caso, solo a chi è in possesso di certificazione verde Covid

Alcune Regioni, intanto, hanno varato alcune ordinanze che impongono tamponi per coloro che arrivano dall’estero, mentre il Governo dovrà valutare anche un’ulteriore proroga dello stato d’emergenza in scadenza il 31 luglio. Due le ipotesi:fine ottobre o fine dicembre

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.