Salernitana, i numeri bocciano il mercato della società e il cambio di allenatore

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
17
Stampa

La Salernitana, alla vigilia dello spareggio salvezza in programma in Sardegna venerdì sera (con inizio alle ore 20.45), è stato agganciata dal Cagliari all’ultimo posto in classifica, per effetto del pareggio conquistato in rimonta dalla squadra di Mazzarri a Reggio Emilia contro il Sassuolo e della pesante sconfitta all’Arechi dei granata contro La Sampdoria. Dopo 13 giornate del campionato di serie A la Salernitana ha racimolato appena 7 punti (il bottino più magro, a questo punto della stagione, delle tre partecipazioni al torneo di massima serie) e sta facendo collezione di numeri negativi. E’ la squadra che ha subito finora il maggiore numero di sconfitte (dieci) e ha l’attacco più anemico (appena dieci reti realizzate). La classifica e i numeri stagionali suonano come una impietosa bocciatura per il mercato operato dalla dirigenza granata, dal momento che l’organico sta palesando grandi lacune, un po’ in tutti i reparti, e non sembra essere minimamente competitivo per il campionato di serie A. Anche il cambio di guida tecnica, con l’avvento di Colantuono che ha preso il posto dell’esonerato Castori, non ha dato i frutti sperati: in cinque partite sotto la guida del nuovo tecnico, la squadra granata ha ottenuto una sola vittoria (quella in extremis a Venezia, favorita da una “papera” di Romero e dalla superiorità numerica) e ben quattro sconfitte (di cui tre all’Arechi, dove finora Colantuono non ha racimolato punti)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

17 COMMENTI

  1. ben venga la retrocessione se è questo che si vuole, l’importante è liberarci dal laziale la multiproprieta’ avallata in passato anche dagli organi federali è stata la rovina della salernitana e purtroppo noi tifosi ne paghiamo le conseguenze

  2. Bocciati in tutto. Hanno dimostrato, chi ha fatto queste scelte, di avere grande competenza.. Squadra allestita buona x un campionato di media serie B tranne Ribéry. Hanno mandato via Castori, l artefice di un miracolo sportivo, facendolo passare x il responsabile di questo disastro, non consentendogli di giocarsi gli scontri diretti, e preso Colantuono x farceli perdere quasi tutti. Ora dopo Cagliari lo richiameranno x fargli perdere le partite con le più forti! Davvero in gamba!

  3. Chi si meraviglia di questa umiliante buffonata del trust e della serie A è un sempliciotto o un colluso. Fabiani è il Male assoluto.

  4. Allora 1° punto: con la Samp non era uno scontro diretto per la salvezza, la Samp non gioca nè giocherà per salvarsi è suadra di serie A stabile(può avere dei periodi critici e ci sta) e non rientra sicuro nello scontro salvezza;
    punto 2°: Vi ricordate…Tutti a decantare Fabiani per l’ottimo mercato senza soldi e società, ebbene ecco il risultato
    punto 3° fino a quando Lotito e la sua corte non libererano per davvero la Salernitana non potremo andare da nessuna parte
    punto 4° i soldi del paracadute fanno più gola della permanenza in serie A
    Quindi rassegniamoci.

  5. con la banda bassotti ancora al timone non abbiamo speranze. Di Tacchio, titolare in serie A, con tutto il rispetto per il giocatore che ci ha pure salvato dalla C, è un lusso che non ci possiamo permettere.

  6. fabiani è il male di Salerno! Se ne deve andare! INCOMPETENTE ASSOLUTO! mai una plusvalenza per questa società. incompetente. 0 ragazzi scoperti. come talent scout fa pena! come ds peggio ancora! VIA DA SALERNO!

  7. Se non mi sbaglio con Colantuono già abbiamo avuto in serie B un’esperienza negativa.Era il caso di ripetere questa esperienza anche in serie A ?Al di là della considerazione sull’allenatore bisogna ammettere con tutta onestà che il “, capitale umano ” a disposizione di chiunque venisse ad allenare , è veramente mediocre ….se non scarso. La situazione è veramente complicata.

  8. Proprio per le considerazioni che precedono, non andava sostituito CASTORI in quanto solo degli incompetenti potevano considerare la rosa a disposizione valida a tal punto da imputare al tecnico marchigiano colpe e non riconoscere i meriti di aver tirato fuori il meglio dal “legname” a sua disposizione. A pagare sono sempre e solo i veri tifosi…….non date più un euro a questa specie di società che non ha rispetto nemmeno per la curva sud. Se cambiano i proprietari, anche se già retrocessi, varrà la pena andare allo stadio a tifare per i nostri colori, oggi mai più per questi sanguisuga.

  9. Purtroppo si è rivelato esatto ciò che qualche commentatore fuori Salerno andava dicendo ad inizio campionato, ossia che la Salernitana aveva una rosa inadeguata alla Serie A. Tutti, al di fuori di Salerno e provincia, si erano accorti di questo tranne i famigerati gruppi ultrà nonché i “giornalai” salernitani che anziché fare pressione affinché la società si adoperasse per rinforzare seriamente la squadra hanno ferocemente attaccato detti commenti e coperto le nefandezze di questa società. Voglio soggiungere che l’unica cosa buona che è stata fatta è l’esonero di castori, complice dell’allestimento di questa penosa squadra. Spero che i calciatori, anche se non all’altezza della A (e non è una loro colpa), tirino almeno fuori orgoglio e attributi per non ritrovarci già retrocessi a dicembre

  10. dicevano che i gufi eravamo noi, che ci nascondevamo dietro le tastiere, che non eravamo tifosi, che Lotito, Mezzaroma, Fabiani e Castori ci avevano portato in serie A, A FARE CHE? a riempirci di autentica m..da? mortificarci? farci prendere in giro? collezionare i record più negativi della storia di serie A? avvilirci e renderci la vita ancora più difficile di quello che é? Tacete tutti, siete la rovina di Salerno, complici di una gang di delinquenti. li maledicevo 5 anni fa, li ho maledetti l’anno scorso e li maledirò in eterno, brutti bastardi

  11. Speriamo di fallire almeno salviamo la faccia e non togliamo il record negativo dei punti che fece il Napoli 1997/98.

  12. i numeri bocciano l’operato del padrone, laddove per numeri vengano intesi quelli della classifica…punti, gol fatti e subiti, etc etc…..se invece al termine ‘NUMERI’ diamo l’accezione tanto cara ai fautori del libero mercato e del calcio fatturato spettacolo…embè i numeri sono dalla parte del padrone….in 10 anni la gallina gli ha dato solo uova d’oro…negli ultimi due le uova sono triplicate B/A) e raddoppieranno (A/B)….e il padrone s’ingrassa….e volete che non abbiano già o’sistema per….? milan docet-sampdoria docet-genoa docet-…l’Italia abbonda di medici personali….fianzieri personali….burattini personali….e i fessi del mercato libero credono ancora di essere liberi….si …. liberi di regalare soldi al malaffare! uah uah …siete uno spasso! Questo è il Vostro calcio moderno, accattatavillo…!! tenetevelo stretto stretto….STRUNZ!

  13. Ci mancava il filosofo di….turno!
    Ora si può mettere il cartello
    “COMPLETO”!!!!
    Comunque forza SALERNITANA

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.