Cava: consegnata al Sindaco la prima copia del libro” Come nasce una città”

Stampa
È stata consegnata, in mattinata al Sindaco di Cava de’Tirreni Vincenzo Servalli, nella Sala di Rappresentanza, davanti alla grande tela del Tafuri che rappresenta la consegna della Pergamena in bianco, il 4 settembre 1460, nella sala del trono al Castel Nuovo in Napoli, da parte di Re Ferrante I d’Aragona al Sindaco di Cava dell’epoca, Onofrio Scannapieco, la prima copia del libro “Come nasce una Città: Cava aragonese: la costruzione di una identità”.

“Questo libro è una pietra miliare – afferma il primo cittadino – sulla storia, unica, della Pergamena Bianca e dei Privilegi. È un punto di riferimento per chi vuole comprendere la nascita di una Città e di una Comunità dal carattere fiero, orgogliosa delle sue origini e della sua identità aragonese che ancora oggi, da 562 anni, è rappresentata nel nostro stemma. Sono emozionato perché è la conclusione di un percorso che ha fatto definitivamente chiarezza su alcuni tratti della nostra storia, distinguendo la leggenda, il folklore, dalla realtà che è di gran lunga più entusiasmante, ed è tutt’oggi oggetto di interesse tra gli studiosi di storia aragonese”..

Il prof. Francesco Senatore, curatore scientifico del convegno tenutosi il 19 luglio 2019 “Cava aragonese: la costruzione di una identità”, e del libro che ne raccoglie gli atti, “Come nasce una Città”, e Niccolò Farina in rappresentanza della casa editrice AreaBlu, hanno consegnato la prima copia,fresca di stampa, al primo cittadino, come prologo ad una più articolata presentazione che sarà organizzata prossimamente.

Il convegno “Cava aragonese: la costruzione di una identità”, fu organizzato dall’Amministrazione Servalli e coordinato scientificamente dal prof. Francesco Senatore, con i patrocini del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli studi di Napoli Federico II; CESURA, Centro Europeo di Studi su Umanesimo e Rinascimento Aragonese; Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale Università degli Studi di Salerno, intervennero: Pierluigi Terenzi (Università degli studi di Firenze), su “Città e cittadini nel Mezzogiorno d’Italia”; Amalia Galdi (Università degli studi di Salerno), su “Salerno e Cava: le origini del conflitto” Davide Passerini (Università degli studi Federico II di Napoli), su “Le guerre dei Durazzo fra Terra di Lavoro e Principato Citra”; Davide Morra (Università degli studi Federico II di Napoli), su “Le risorse del territorio”; Francesco Storti (Università degli studi Federico II di Napoli), su “Le cittadinanze in guerra”; Giuseppe Foscari (Università degli studi di Salerno), su “Globale e locale: le guerre d’Italia”; Bianca De Divitiis (Università degli studi Federico II di Napoli), su “La forma della Cava”; Francesco Senatore (Università degli studi Federico II di Napoli), su “La memoria della pergamena bianca”.

 

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.