Vertenza Medacarni, l’ira della della Filp Cisal: “60 famiglie salernitane abbandonate”

Stampa
“Se penso alla vertenza Medacarni mi chiedo in quale mondo e in quale società viviamo nel salernitano”. Così Gigi Vicinanza, della Filp Cisal Salerno, interviene sulla vertenza che vede coinvolti i dipendenti dei supermercati a marchio Eté gestiti dalla Medacarni.

“La  vicenda – si legge in una nota – inizia nel mese di luglio 2022 con la chiusura di un punto vendite dei tre di proprietà “Medacarni srl” dal quale inizia la tragedia di circa 60 dipendenti. Verso la fine del mese di luglio per far fronte alla chiusura di un punto vendite  fu esperito un accordo sindacale per l’utilizzo degli ammortizzatori sociali Fis per quei lavoratori impegnati in quel punto vendite da chiudere prevedendo una sospensione dal lavoro a rotazione sugli altri punti in esercizio ma nel mentre si era impegnati per fornire all’Inps tutta la documentazione prevista per utilizzare l’assistenza economica per i lavoratori in oggetto, l’azienda stranamente chiude anche gli altri punti vendite senza neanche aspettare la definizione dell’Inps della richiesta di assistenza Fis presentata la quale è concessa solo nel caso di sospensione temporanea delle attività la quale è stata vanificato a causa della chiusura totale della Medacarni dal mese di agosto”.

“Questo deve accadere perché le leggi prevedono utilizzo di assistenze economici diversi in funzione delle realtà che vivono le aziende, sospensioni temporanee, come il caso determinatosi, ed è previsto dall’accordo sindacale di luglio con la chiusura solo di uno dei punti su tre.  Invece, per la chiusura totale dell’azienda si può utilizzare un ammortizzatore sociale diverso, cioè la cassa integrazione straordinaria”.

“Cosa diventata impossibile perché ad oggi dell’azienda non vi è più nessun riferimento ed è scomparsa nel nulla, nonostante gli inviti e le richieste di incontri non riceviamo nessun riscontro. Ma la cosa più incresciosa è che, nonostante la mediaticità assunta dalla vicenda in provincia di Salerno, gli organi di competenti non intervengono e lasciano 60 famiglie abbandonate come se nulla fosse, lasciando maturare le cose nei tempi biblici della burocrazia complessa”.

2 Commenti

Clicca qui per commentare

  • Ci vorrebbe prima un corso per imparare a scrivere le note….. Solidarietà ai lavoratori.

  • Ricordiamo che a Salerno altre famiglie sono state lasciate sospese da un anno e più ormai riguardo alle cooperative ,la mia famiglia composta da sei persone due adulti e quattro bambini è ancora in attesa di un futuro migliore

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.