Il ponte di Ognissanti occasione d’oro per il Turismo (di Tony Ardito)

Stampa
Da una indagine di Federalberghi, con il supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions, effettuata tra l’11 e il 14 ottobre su un campione rappresentativo di oltre 3mila individui, sono circa 11 milioni e 800mila quelli di noi che si sono messi in viaggio durante il lungo ponte di Ognissanti.

Lo studio mostra il movimento turistico degli italiani nel corso di una festività che da sempre rappresenta una prima tregua dal lavoro dopo il periodo delle ferie estive.

Dei vacanzieri nostrani il 95,9% resta in Italia, mente il 4,1 è andato all’estero. Il 71,5 di coloro che rimarranno nel Belpaese, sono restati nella regione di appartenenza. Chi permane nella Penisola sceglie in primis le località d’arte (25,0%), la montagna (21,7%) e il mare (20,9%); seguono le località termali (5,8%) e il lago (5,0%). Ahinoi, il conflitto in Ucraina ha condizionato le scelte dei viaggiatori, soprattutto in relazione agli effetti del caro energia che ne sono scaturiti.

Per quanti hanno preferito l’estero, le mete più ambite sono le grandi capitali europee (68,2%), le località di mare (13,7%), le grandi capitali extra europee (13,6%) e la montagna (4,5%). La maggioranza degli intervistati (59,5%) ha scelto di andare in vacanza durante questi giorni inseguendo il relax, mentre un consistente 31,2%, probabilmente anche come conseguenza degli aumenti del prezzo dei carburanti, dell’energia e dei beni di prima necessità, ha deciso di utilizzare tale occasione per raggiungere i propri familiari. La casa di parenti e amici è la scelta privilegiata per il 28,6% dei vacanzieri; a seguire l’albergo, residence e villaggi (25,8%), i bed & breakfast (15,4%) e la casa di proprietà (15,2%).

La gran parte ha organizzato la vacanza con largo anticipo. Il 50,3% delle prenotazioni è stato effettuato più di un mese fa, mentre il 46,2% ha prenotato due o tre settimane prima della partenza. Il 36,7% degli intervistati ha prenotato il proprio alloggio contattando direttamente la struttura ricettiva, tramite il sito internet dell’albergo, posta elettronica o telefono.

La durata media del soggiorno è di 3,4 notti trascorse fuori casa. La spesa media, comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti, si attesterà sui 389 euro a persona. La spesa media stimata per i viaggi in Italia (368 euro) risulta assai inferiore a quella per i viaggi all’estero (694 euro). Il giro d’affari complessivo si aggirerà intorno ai 3,45 miliardi di euro con un aumento del 9,2% rispetto al 2021.

La spesa per le vacanze si spalma su tutte le componenti della filiera turistica. Il 32,7% del budget di chi va in vacanza è destinato ai pasti (colazioni, pranzi e cene), il 22,3% al pernottamento, il 22,8% alle spese di viaggio, il 10,1% allo shopping e il 12,1% per tutte le altre spese (divertimenti, escursioni e gite).

di Tony Ardito

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.