San Matteo, Cammarota: “I Santi non si inchinano a nessuno, e Salerno non scelga Barabba”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
23
Stampa
Antonio_CammarotaI gravissimi fatti della processione di ieri hanno offeso Salerno e impongono azioni concrete, senza indugio e senza ambiguità. Il popolo diviso per le pur discutibili scelte del Vescovo, la decisione di non far sparare i fuochi, la chiusura delle scale di Palazzo di Città per un pericolo di cui mai nessuno si era accorto ma poi riaperte di domenica sera, i portatori che avevano addirittura rifiutato di farsi identificare e che hanno tenuto in ostaggio le Statue dei Santi, l’offesa dei fischi al momento della preghiera, sono fatti che hanno mortificato la città, quella vera,n  della gente libera e perbene, credente o meno, che non accetta ricatti, ripicche, bestemmie, che si indigna di fronte a questa vergogna collettiva.

I Santi non si inchinano a nessuno, e Salerno non scelga Barabba.

Occorre, tutti, fare un passo indietro e ritrovare il dialogo per rimarginare una lacerazione mai così profonda che ha urtato la sensibilità di una intera comunità, ad un tempo facendo chiarezza su ogni cosa, e in ogni sede, innanzitutto quella istituzionale.

Pertanto, con il presente atto è :

 

  • interpellanza al Sindaco

se intenda adottare iniziative politiche e istituzionali su quanto accaduto e quali esse siano,

nonchè se intenda costituirsi parte civile in caso di procedimento penale per gli eventuali atti che nei fatti di ieri costituiscano reato, come affermato dagli organi di informazione;

  • interrogazione a risposta scritta al Sindaco

sul perché della chiusura delle scale dell’entrata di Palazzo di Città e perché invece erano aperte il 21 di domenica sera;

 

 

  • istanza al Sindaco e al Presidente del Consiglio Comunale

 

di porre, all’odg del prossimo Consiglio Comunale già fissato per il 29 Settembre 2014, la vicenda che riguarda l’intera città di Salerno, e per cui è invito Consiglieri Comunali che lo vorranno a sottoscriverne, anche per l’inserimento obbligato in caso di non accoglimento.

 

Avv. Antonio Cammarota

Consigliere Comunale Città di Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

23 COMMENTI

  1. Cammarota, è meglio che non prendi posizione in questa delicatissima faccenda, altrimenti perdi anche quei quattro voti che ti rimangono, e te lo dice uno che è più a destra di te

  2. Che ieri Salerno non abbia dato una bella immagine di se è pacifico. Che poi ci siano dei fatti di rilevanza penale è risibile. Quella di ieri era una contestazione, certamente di cattivo gusto, ma legittima e pacifica.

  3. Secondo me è stato tutto studiato ha tavolino da parte di qualcuno che ci faceva comodo che le cose dovevano andare così. In questa città sono venti anni che si semina odio:

  4. io ieri ho semplicemente visto una brutta pagina della ns città…. e il sig. moretti ha contribuito con il suo atteggiamento supponente a questo clima pesante in una giornata che doveva essere di Festa e preghiera! dire che i Salernitani che fischiavano erano manovrati è una vera cazzata…. la gente comune si è sentita colpita nell’animo perché qualcuno voleva offuscare la Festa della città per il suo Patrono…. e quando il popolo si sente preso in giro ha delle reazioni incontrollate.
    Caro Cammarota hai dormito fino ad oggi e ritorna a dormire!!!

  5. La faccenda non è delicatissima come afferma qualcuno tra i commenti è semplicemente molto chiara:

    Le istituzioni amministrative e religiose si sono indebolite e una fetta di città è in mano al popolino pseudodelinquenziale che nelle espressioni di massa nazional-popolari (festa patronale, derby, chiancarelle, Vestuti ecc.) si esalta in cerca di affermazioni socio-politiche.

    Con i fuochi, gli stessi personaggi che hanno fomentato questa processione avrebbero contestato lo spreco, la sfarzosità, il profano, le giravolte, gli inchini ecc.

    Purtroppo i carceri borbonici sono diventati musei da visitare la domenica.

  6. Cammarota o non Cammarota ieri è stata scritta, su dettatura di QUALCUNO?, una bruttissima pagina della nostra citta’. Altri commenti non occorrono VERGOGNAMOCI!!!

  7. Non si finisce mai d’imparare … non sapevo che la benedizione al mare fosse un’INCHINO al mare … da sempre risorsa e pericolo per la città. Quindi anche l’ingresso al comune non rappresenta più la benedizione del Santo alla Casa dei Cittadini ma all’inverso un’omaggio … (si capisce l’ironia???)

  8. Al solito la destra ci azzuppa il pane come sempre, non fa niente non aiuta a placare gli animi, e aspetta l’occasione per dire la sua e guarda caso contro il Sindaco ritenuto un aizzatore delle masse.
    Signor Cammarota ma ci faccia il piacere.

  9. Secondo me il sindaco non risponderà alle interpellanze dell’avv. Cammarota.
    Come al solito, dopo aver scatenato questo macello, si nasconde dietro le quinte. Ben fatto Cammarota

  10. Come nei peggiori film di peppone e don camillo. I poteri si scontrano ed il popolino, fomentato e strumentalizzato, alza la testa!!

  11. Nessuno si è mai occupato di santi e madonne in questa città, ora tutti pro s.matteo per strumentalizzare politicamente la festa patronale.
    Il sindaco ha ragione: Le regole sono un optional in questa città.

    La ricorrenza è religiosa e decide il Vescovo cosa si deve fare e cosa non si deve fare non gli ultras della curva.

  12. Poi danno la colpa a De Luca, lo accusano di aver fatto politica chissa perchè qui stanno parlando invece solo gli avversari di De Luca, ….Carfagna Cammarota ecc.ecc gente che è stata semrpe battuta da De Luca. Evidentemente cercano loro un po di propaganda, la città è con De Luca non l’avete ancora capito? La religione può anche evitare cambiamenti contro certe tradizioni locali. La Religione è dei fedeli non della Curia.

  13. E’ vergognoso quello che leggo, come è vergognoso il modo in cui si sono soppresse le nostre tradizioni che non hanno niente a che vedere con tradizioni di tipo “camorristico” per intenderci…. Bisognava sicuramente e palesemente dire che le direttive impartite dalla Curia sarebbero state disattese perchè non è quello che i fedeli salernitani volevano.

  14. Cari concittadini, ma a chi la volete darla a bere. Quanto vi pagano per dare sostegno a chi ha commesso un fatto ignobile, premeditato ed inscenato da manovalanza di basso volgo ed ordita dalle machiavelliche menti dell’innominato e dei suoi vice. Non vi prestate al gioco, se dalla cosa non guadagnate. Quello che mi fa incazzare è il fatto che chi ha disposto il tutto non ha la faccia per assumersene la responsabilità.VERGOGNATEVI

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.