La sigaretta elettronica una “grave minaccia” per la salute pubblica? Uno studio USA lancia l’allarme

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
sigaretta_elettronicaRiscaldate e succhiate profondamente, le sigarette elettroniche sempre più popolari fra un crescente numero di adolescenti, giovani e adulti rappresentano una grave minaccia per la salute pubblica, secondo uno studio statunitense pubblicato giovedì. La pubblicazione di questo studio, il più completo fino ad oggi su questo tema delle autorità sanitarie federali, che ha impegnato nella ricerca più di 150 esperti, giunge in un momento quando il “vaping” ha raggiunto proporzioni allarmanti tra i giovani. “Il consumo della sigaretta elettronica è esploso negli ultimi anni, aumentando del 900% fra gli studenti delle scuole superiori nel periodo che va dal 2011 al 2015 ” scrivono i ricercatori della Chief Medical Officer degli Stati Uniti, in una relazione pubblicata nell’ultima edizione per i Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC). Citando le statistiche del 2015 relative al controllo e la prevenzione delle malattie dei centri (CDC), la relazione indica che il 16% degli studenti ha utilizzato le sigarette elettroniche, rispetto al 13,4% dell’anno precedente.”Tutti gli americani dovrebbero sapere che le sigarette elettroniche sono pericolose per gli adolescenti e gli adulti”, ha spiegato il capo medico, Dr. Vivek Murthy in una prefazione alla relazione.”Qualsiasi uso del tabacco, comprese le sigarette elettroniche, rappresentano un pericolo per la salute, soprattutto per i giovani,” aggiunge ribadendo che “questo rapporto è rivolto a genitori e insegnanti sul modo in cui questi prodotti possono essere nocivi per la salute dei giovani”. La relazione sottolinea che la nicotina, è considerata una droga ed una sostanza che crea dipendenza a qualsiasi età, è particolarmente tossica per gli effetti duraturi che ha sul cervello nello sviluppo giovanile. Mentre le sigarette elettroniche che sono meno nocive dovuto alla mancanza di catrame e di prodotti della combustione, di cui questi ultimi presenti in enormi quantità nella sigaretta tradizionale, gli autori di questo recente studio hanno anche specificato che l’aerosol prodotto dal vapore può esporre passivamente soggetti passivi a sostanze chimiche potenzialmente pericolose. Questi ricercatori hanno notato che l’uso era “fortemente legato all’uso di altri prodotti da fumo tra gli adolescenti e adulti”. La relazione del responsabile della ricerca critica fortemente anche gli spot pubblicitari aggressivi del settore delle sigarette elettroniche, del valore di 3,5 miliardi di dollari, ed insiste su una regolamentazione più rigorosa. Queste campagne sono soprattutto per i giovani e riprendono le vecchie tattiche dei media utilizzate da decenni dai gruppi del tabacco per incoraggiare il pubblico a fumare, citando l’uso di una gamma di gusti popolari tra i giovani. Il direttore del CDC, Dr. Tom Frieden, in una prefazione che accompagna la relazione, ha fortemente criticato i messaggi subliminali all’interno dei cartelli e messaggi pubblicitari nei loghi delle aziende: “Queste società stanno promuovendo le loro sigarette elettroniche con spot pubblicitari su radio e televisioni, utilizzando personaggi celebri e contenuti di natura sessuale per rendere i loro prodotti glamour”.. In aiuto di questo studio anche quello condotto dalla Portland State University, nell’Oregon, riportato in una lettera pubblicata nell’ultima edizione della rivista scientifica New England Journal of Medicine (NEJM).  La ricerca è stata condotta usando una macchina per “inalare” vapore delle sigarette elettroniche a bassa e alta tensione per determinare come la formaldeide, un agente cancerogeno conosciuto, è formato dal liquido miscelato di nicotina, aromi chimici, glicole propilenico e glicerina.Quando l’apparecchiatura è stata alimentata con bassa tensione (3,3 volt), normalmente il liquido riscaldato formatosi nel serbatoio delle sigarette elettroniche non ha prodotto la formaldeide. Queste sigarette sono dotate di resistenza elettrica alimentata da batteria. Ma quando il liquido è stato riscaldato con una tensione maggiore (con 5 volt), si è formata la formaldeide, con livelli sensibilmente superiori a quelli trovati con la combustione delle sigarette convenzionali. Così un consumatore di sigarette elettroniche che inala ogni giorno l’equivalente di tre millilitri di liquido vaporizzato riscaldato, assorbe alcuni 14 milligrammi di formaldeide. In confronto, una persona che fuma un pacchetto di sigarette per ogni carta al giorno assorbe circa tre milligrammi di questa sostanza cancerogena. A lungo termine, l’inalazione di 14 milligrammi (+ o – tre milligrammi) di questa sostanza nociva potrebbe moltiplicare ogni giorno da 5 a 15 volte il rischio di cancro, secondo studi precedenti. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si tratta di un ulteriore dato che conferma le incertezze circa i possibili rischi connessi all’utilizzo di questi prodotti. Pertanto sarebbe auspicabile che le autorità sanitarie europee e nazionali procedano con  verifiche celeri  circa  l’insussistenza di pericoli per la salute dei consumatori.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.