Fidanzato a terra all’Autogrill, la sua donna violentata nel furgone

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
L’accusa è pesante: violenza sessuale. Per questo motivo gli agenti della polizia stradale di Venezia sabato scorso hanno arrestato un cittadino di origini africane, pare congolesi, che, stando alle ricostruzioni, avrebbe abusato di una donna a bordo di un furgone durante un viaggio sull’autostrada Venezia-Padova.

L’intervento delle forze dell’ordine in corrispondenza di una piazzola di sosta nel territorio di Pianiga, in direzione del capoluogo lagunare. Si sarebbe trattato di un controllo “casuale”, come tanti durante il weekend delle festività pasquali.

Fin da subito, però, quell’accertamento si è rivelato ben diverso dagli altri. Al termine delle verifiche, il magistrato di turno ha disposto l’arresto per il sospetto, sulla base anche delle dichiarazioni rese dalla presunta vittima delle “attenzioni” dell’uomo.

Tutto sarebbe successo al termine di una festa fuori provincia: la donna si trova in compagnia del fidanzato. Entrambi di origini nordafricane, chiedono un passaggio al futuro arrestato per tornare a casa. Dunque il trio si mette in viaggio.

È sabato mattina e il furgoncino si ferma per una sosta a un autogrill nel Padovano, vicino al confine con la provincia di Venezia. È lì che il fidanzato della presunta vittima scende per un acquisto e rimane a terra.

Non è chiaro cosa sia accaduto. Fatto sta che ha con sé il cellulare della sua compagna e attira l’attenzione di un testimone, che poi aiuta gli agenti nelle fasi successive delle indagini a chiudere il cerchio.

Nel frattempo il conducente continua la sua corsa per poi accostare nella piazzola di sosta e, stando alle accuse, abusare della donna. Dopodiché viene sorpreso dal controllo della polstrada.

Gli agenti hanno ascoltato la versione dei fatti dei vari protagonisti, dopodiché è scattato l’arresto. Vista la dinamica dell’accaduto è possibile che al sospetto possa essere contestato anche il reato di sequestro di persona: di certo deve rispondere di violenza sessuale.

Fonte Venezia Today

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.