Ingredienti tossici in scontrini fiscali? Ricevute possono essere cancerogene

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Gli scontrini fiscali che normalmente maneggiamo durante la giornata possono contenere delle sostanze altamente dannose per la nostra salute. I ricercatori dell’Università di Granada, in Spagna, parlano difatti di contenuti cancerogeni dopo l’analisi di 112 scontrini di carta e biglietti provenienti dal Brasile, dalla Spagna e dalla Francia.

Secondo i risultati, oltre il 90% di queste ricevute contenevano una molecola chiamata bisfenolo A (BPA), un interferente endocrino noto per alterare l’equilibrio ormonale nelle persone esposte alla sua azione. Questa può causare malattie legate alla produzione ormonale, come malformazioni genitourinarie, sterilità, obesità e tumori negli organi ormone-dipendenti come le mammelle.

«Questi scontrini possono essere facilmente identificati dai clienti perché, dopo tanto tempo dalla loro emissione, perdono ancora inchiostro», spiega dottor Nicolas Olea, professore di medicina. «Se per esempio andiamo a restituire un paio di pantaloni che abbiamo comprato, e il cassiere ci dice che non riesce a leggere nulla… Spesso l’unica cosa che può essere rilevata su questi biglietti è la polverina bianca che viene fuori quando li estraiamo dalla borsa o dal portafogli. Il BPA è precisamente quella polvere bianca che resta appiccicata alle dita».

Solo nella metà delle ricevute in Francia è stato rilevato il BPA: ciò significa che il progetto del governo di risolvere il problema nel 2014 ha parzialmente funzionato. Tuttavia il bisfenolo S (BPS), impiegato come alternativa, pare non essere meno dannoso del BPA, come riportato dai ricercatori.

«Sfortunatamente anche il BPS è un interferente endocrino, e la sua persistenza nell’ambiente è perfino maggiore del BPA, dunque non è un’opzione valida», continua il professore. Alla luce di questi risultati, gli esperti consigliano a tutti i clienti che conservano le loro ricevute, di evitare il contatto con il cibo, specialmente quando si ritira la spesa in cucina, di non scrivere o annotare appunti sopra, né conservare gli scontrini in auto o nei portafogli. «Per farla breve, dobbiamo maneggiare questo genere di ricevute il meno possibile», conclude dottor Olea.

La ricerca è stata pubblicata nella rivista scientifica Environmental Research. Gli scontrini, generalmente, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sono fatti con carte termiche i cui componenti reagiscono al calore generando problemi nelle fasi del riciclo. Dello stesso tipo di carta sono fatti anche le ricevute rilasciate dalle bilance elettroniche e dai pos per carte di credito, oltre alla carta per i fax e a quella di alcuni tipi di ricevute fiscali e dei biglietti aerei.

La scelta di questo tipo di carta per gli scontrini fiscali è però dettata da precise disposizione normative: il rotolo di carta in dotazione al misuratore fiscale – si legge su un sito di settore – deve essere in carta termica omologata dall’Istituto Superiore di Poste e Telecomunicazione.

Inoltre un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, pubblicato il 31 Gennaio 2012, ha fissato nuovi e più stringenti requisiti tecnici necessari per la certificazione della carta termosensibile utilizzata gli scontrini fiscali. Tuttavia esistono ricevute realizzate con il 70% di rifiuti post-consumo prive di BPA.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.