Chitarrista sbaglia accordo in chiesa e bestemmia: il prete lo denuncia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
E’ successo domenica mattina in una chiesa di Torpignattara, storico quartiere romano. Il giovane P.G., 24 anni, frequentava la parrocchia fin dall’adolescenza.

Durante un canto parrocchiale però, probabilmente innervositosi per un accordo sbagliato, se l’è presa con la divinità lasciando di stucco tutti i fedeli (circa un centinaio). Dopo qualche secondo di comprensibile imbarazzo, Don Franco ha ripreso e portato a termine la messa come se niente fosse.

Subito dopo però, ha allontanato il ragazzo dalla parrocchia e preso le distanze dal gesto, sporgendo denuncia.

Fonte Nonelaradio.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.