Ista su calo demografico: 116mila nascite in meno. Più morti che nati

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Continua il calo demografico degli italiani. Come ha denunciato l’Istat nel suo ultimo report, il nostro popolo conta 60 milioni e 317 mila persone, ben116mila unità in meno rispetto allo scorso anno. Un calo che si è concentrato in particolare al sud Italia e al centro, mentre al nord si continua a crescere, soprattutto a Trento e Bolzano, nonché in Lombardia e in Emilia Romagna.

Come spiega l’Istituto di statistica italiano, il calo è dovuto in particolare alle pochissime nuove nascite, solo 435 mila contro le 647 mila dell’anno precedente. Numeri preoccupanti, in quanto, come specifica ancora l’Istat, si tratta del “più basso livello di ricambio naturale mai espresso dal Paese dal 1918″.

Per ogni 100 persone che muoiono, ne nascono solo 67, mentre dieci anni fa le nascite erano pari a 96, praticamente uguali ai decessi. Questo trend negativo va avanti ormai da cinque anni a questa parte, e nel contempo stanno calando anche gli ingressi di stranieri in Italia, 25 mila in meno rispetto al 2018.

ISTAT, 116MILA NASCITE IN MENO: L’ETA MEDIA SI ALZA

In totale gli stranieri in Italia sono pari all’8.9% del totaleAumentano invece i nostri connazionali che lasciano il Belpaese per andare a vivere all’estero, con il saldo migratorio degli italiani che è negativo per 77mila unità. T

ornando alle nascite, in italia il numero di figli per donne rimane sempre lo stesso, 1.29 a testa, ma sta calando il numero delle donne che sono in età fertile, ridotte di ben 180mila unità. Si innalza di conseguenza l’età media del parto, che sale a 32.1, e fanno più figli le ultraquarantenni rispetto alle giovani che non hanno ancora compiuto i 20 anni di età.

Per quanto riguarda il nord, la zona dove comunque la popolazione continua a crescere, vi sono 1.36 figli per donna, con Bolzano che primeggia con una media di 1.69, seguito da Trento a 1.43. Si vive anche più a lungo al nord, con un’età media di 81 anni per gli uomini e di 85.3 anni per le donne, mentre al sud tali numeri si abbassano a 80.2 e 84.5.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.