Coronavirus, i ricercatori: “Forse virus circolava già da metà gennaio”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il virus Covid-19 circolava “almeno dalla metà di gennaio”. Potrebbe esserci una svolta nella task force di epidemiologi, ricercatori, forze dell’ordine e inquirenti al lavoro a Milano e dentro la zona rossa del contagio.

Coronavirus, la svolta dei ricercatori: “Forse virus circolava già da metà gennaio”
Come riporta La Repubblica, nel Basso Lodigiano c’era già un boom, non inosservato, di influenze e polmoniti. “Eravamo tutti convinti — dice Alberto Gandolfi, medico di base in quarantena a Codogno con vari assistiti infetti — che quelle polmoniti fossero favorite da freddo e assenza di pioggia. Rivelate dalle lastre, sono state curate con i consueti antibiotici”.

La verità emerge da cartelle cliniche e ricette farmaceutiche di tutti i pazienti della zona rossa. Pazienti, che per oltre un mese sono stati curati per influenze e polmoniti. La maggioranza dei pazienti risultati positivi è guarita, ma nel sangue sono rimaste le tracce degli anticorpi contro il Covid-19.

Vacilla ipotesi del “paziente 1”
Oltre a rimanere incerta l’individuazione del “paziente zero” comincerebbe a vacillare anche l’ipotesi che il 38enne ricoverato da una settimana a Codogno sia il cosiddetto “paziente uno”. Dopo l’esplosione dell’emergenza tra Codogno, Castiglione d’Adda e Casalpusterlengo, i medici hanno ricollegato tra loro decine di paziente, non solo anziani, che da metà gennaio “sono stati colpiti da strane polmoniti, febbre altissime e sindromi influenzali associate a inspiegabili complicanze”.

L’esplosione dei contagi
“Tra giovedì 20 e lunedì 24 febbraio — spiega uno dei ricercatori — siamo improvvisamente passati da zero a oltre 200 casi di coronavirus tra 50 mila persone di un unico territorio. Effetto di tamponi fatti a tappeto, ma una simile accelerazione non ha precedenti nemmeno in Cina e non trova riscontri nei tempi d’incubazione del Covid-19”.

Per questo motivo i ricercatori stanno prendendo in considerazione la retrodatazione della diffusione del contagio nel Lodigiano.  Soltanto “con più infetti inconsapevoli in circolazione per parecchi giorni” si spiegano “diffusione, velocità e trasversalità” del contagio infine scoperto nella “zona rossa”. Area che, pur con crescenti deroghe per consentire una ripresa parziale di aziende e servizi, potrebbe vedere prolungato l’isolamento.

FONTE TELECLUBITALIA.IT

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.