Credito: accordo Abi e Adiconsum per moratoria di un anno per mutui e prestiti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’ABI, Adiconsum e le altre Associazioni dei consumatori, hanno raggiunto un accordo che amplia le misure di sostegno alle famiglie, ai dipendenti, ai lavoratori autonomi e liberi professionisti colpiti dall’evento epidemiologico Covid-19.

L’accordo, che prevede la possibilità di sospendere fino a 12 mesi la quota capitale delle rate dei mutui garantiti da immobili e degli altri finanziamenti a rimborso rateale, è un’ulteriore importante iniziativa per supportare la sostenibilità finanziaria delle famiglie – dichiara Danilo Galvagni vice presidente di Adiconsum.

Con questa intesa, frutto del confronto di Adiconsum e delle altre AA.CC. con ABI, si va incontro a quei consumatori che si trovano in condizioni di disagio economico – prosegue Galvagni – e consolida il percorso di responsabilità sociale dell’Associazione delle banche, anche in questa difficile circostanza, a favore delle famiglie che potranno trarre beneficio da tali sospensioni, che abbiamo posto all’attenzione.

Gli ambiti di intervento dell’Accordo – afferma Carlo Piarulli Responsabile Nazionale Credito di Adiconsum – riguardano:

– i mutui garantiti da ipoteche su immobili non di lusso erogati prima del 31 gennaio 2020 a persone fisiche per ristrutturazione degli stessi immobili ipotecati, liquidità o acquisto di immobili non adibiti ad abitazione principale, che non rientrano nei benefici previsti dal Fondo Gasparrini o pur essendo connessi all’acquisto dell’abitazione principale non presentano le caratteristiche idonee all’accesso del Fondo Gasparrini;
– prestiti non garantiti da garanzia reale a rimborso rateale erogati prima del 31 gennaio 2020.

La sospensione comprende anche le eventuali rate scadute e non pagate dopo il 31 gennaio 2020 e non determina l’applicazione di alcuna commissione.

Per poter accedere alla moratoria – prosegue Piarulli – gli eventi previsti riguardano la cessazione del rapporto di lavoro subordinato per qualsiasi tipo di contratto; la sospensione dal lavoro o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni; morte o insorgenza di condizioni di non autosufficienza; riduzione di un terzo del fatturato causata dall’evento epidemiologico per lavoratori autonomi e liberi professionisti.

Auspichiamo – conclude Galvagni – che le banche facciano proprio l’indirizzo indicato dall’Associazione facilitando e semplificando ulteriormente l’accesso a tale beneficio.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.