La Salernitana vince e vola terza: battuto il Brescia ora è testa al Lecce

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
39
Stampa

Doveva centrare l’obiettivo tre punti, che all’Arechi mancavano da molto, la Salernitana questa sera e grazie ad una partita di aggressività e carattere li ha ottenuti contro un Brescia disinnescato quasi da subito. Il colpo di testa di Bogdan al 23’ spiana ai granata la strada verso un successo costruito con spirito di gruppo e un pressing costante fino al termine.

Inutile l’ingresso nella ripresa dell’ex Donnarumma, Gyomber e compagni hanno innalzato un vero e proprio muro dinanzi a Belec quasi inoperoso e compiaciuto per aver mantenuto la sua porta inviolata per la 7 gara consecutiva. Ora la testa è a Lecce: certo che un colpo esterno al “Via del Mare“….

LA GARA

Undicesima giornata di ritorno, ultima partita prima della sosta. Stasera alle 21 la Salernitana scende in campo, tra le mura amiche dello stadio Arechi, e affronta il Brescia. Una vittoria per i granata significherebbe sorpasso Monza e terzo posto dietro il Lecce secondo e prossimo avversario per i campani.

Per l’occasione mister Castori dovrà fare ancora a meno di Aya in difesa, oltre che dei lungodegenti Dziczek e Lombardi. Djuric partirà dalla panchina, in attacco la coppia Gondo Tutino. Anderson giocherà tra le linee con Di Tacchio e Coulibaly a fare da schermo dinanzi la difesa. Completano il quintetto in mediana Casasola e Jaroszynski. In difesa Bogdan, Gyomber e Veseli. Tra i pali Belec.

Sponda rondinelle, invece, il tecnico Clotet non avrà a disposizione Spalek, Skrabb e Ndoj. In attacco riecco Ragusa, grande ex del match (con  Donnarumma che però parte dalla panca).  Karacic, Cistana, Chancellor e Martella in difesa a protezione di Joronen. In mediana Bisoli, Van de Looi e Bjarnason. Jagiello trequartista a supporto proprio di Ragusa e della rivelazione Ayè. Arbitra Santoro di Messina.

PRIMO TEMPO

Serata fredda e ventosa all’Arechi dove è di scena uno dei big match della giornata di B. Granata che partono a trazione anteriore, ci prova subito Casasola, palla debole. Il Brescia prova a prendere il pallino del gioco in mano, è Ayè il pericoloso per i lombardi. Ci prova Coulibaly di testa al 18’, non da potenza alla sfera. Al 23’ azione rocambolesca in area bresciana, Casasola e Gondo non ne approfittano.

Calcio d’angolo e dalla bandierina svetta Bogdan che la butta dentro, 1-0 Salernitana. E’ sempre Bogdan di testa a mettere i brividi alle rondinelle. Ci prova Gondo ma senza coordinazione. Nel finale Jagiello tenta la girata in area campana senza precisione. Anche Di Tacchio ci prova dalla distanza, sfera deviata. Finisce il primo tempo.

SECONDO TEMPO

Squadre in campo per la ripresa con gli stessi undici. Parte con il piede sull’acceleratore la Salernitana in cerca del raddoppio. Ci prova Anderson, sfera centrale. Triplo cambio nel Brescia dentro Donnarumma, Labojko e Ndoj al posto di Jagiello, Bisoli e Van De Looi. Cistana da calcio d’angolo ha una buona palla che poi non controlla. Giallo per Gondo, primo del match. Castori inserisce Djuric per gondo e Capezzi per Anderson.

Anche Ayè sul taccuino dell’arbitro. Entra Pajac ed esce Ragusa nelle rondinelle. Casasola mette dentro un bel cross Djuric ci arriva ma il portiere ospite c’è. Esce Martella ed entra Ghezzi. Giallo anche per Chancellor per fallo su Tutino. Esce Jaroszyinski ed entra Kupisz mentre out Tutino, dentro Cicerelli. Nel finale esce Coulibaly entra Schiavone. In pieno recupero due volte Djuric sfiora il raddoppio, ma finisce cosi, la Salernitana vola terza e ora andrà in casa della seconda, il Lecce di un altro ex, Massimo Coda.

SALERNITANA – BRESCIA 1-0

SALERNITANA (3-5-2): Belec; Bogdan, Gyomber, Veseli; Casasola, Coulibaly (45′ st Schiavone), Di Tacchio, Anderson (20′ st Capezzi), Jaroszynski (39′ st Kupisz); Gondo (20′ st Djuric), Tutino (39′ st Cicerelli). In panchina: Adamonis, Durmisi, Mantovani, Sy, Boultam, Kiyine, Kristoffersen. Allenatore: Castori.

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Karacic, Cistana, Chancellor, Martella (35′ st Ghezzi); Bisoli (9′ st Ndoj), Van de Looi (9′ st Labojko), Bjarnason; Jagiello (9′ st Donnarumma); Ayè, Ragusa (24′ st Pajac). In panchina: Kotnik, Mateju, Mangraviti, Papetti, Fridjonsson. Allenatore: Clotet.

ARBITRO: Santoro di Messina – assistenti: Bresmes e Margani – IV uomo: Camplone

RETI: 25′ pt Bogdan (S)

NOTE. Ammoniti: Gondo (S), Ayé (B), Ndoj (B), Chancellor (B). Angoli: 6-3. Recupero: 0′ pt – 4′ st

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

39 COMMENTI

  1. Bisogna ammettere quando si sbaglia , ero convinto che si cercasse il solito campionato , e il solito galleggiamento… sono felicisssimo di essermi sbagliato e spero tanto di essere smentito a fine stagione con la promozione e la conseguente cessione della società. Non dobbiamo dimenticare cosa ci hanno fatto passare questi farabutti.
    Forza Salernitana sempre
    Lotito vattene

  2. NO!! Io non ci credo… No non ci credo che per fare dispetto a Lotito si possa desiderare la sconfitta della Salernitana. Per questo mio pensiero cito El loco Bielsa 《C’è una frase che ho letto a Siviglia e ho avuto all’inizio difficoltà a capire: “Ti amo anche se vinci”. Cioè il rifiuto alla ricompensa (la vittoria) per aumentare il significato del legame affettivo. Cioè non importa nemmeno la vittoria, ti amo in cambio di nulla. Ed è una cosa meravigliosa》. Questa citazione dovrebbe essere il senso del nostro tifo…che se vogliamo ci riporta negli anni 70/80 quando avevamo società di cacca, quando la squadra lasciava debiti in tutta Italia tra alberghi e ristoranti addirittura costretti alla fuitina, gli incassi sequestrati tutte le domeniche … e noi stavamo sempre li sempre la ..du du da da..amore senza condizioni…non ci credo a chi gioisce se perdiamo. Ricordo gli striscioni Aliberti vattene, Lombardi Vattene e anche Lotito Vattene.. ma abbiamo sempre amato la squadra senza condizioni anche con mazzamma tipo gli Esposito, Strianese, Troiano, Japicca, Vessa, Tedesco etc. etc. sempre contestati (visti anche i 25 anni di C) ma sempre amata . NO IO NON CI DRECO Chesté

  3. Caro avvocato delle cause perse io a te non ho dato dell’ ignorante!! Innanzitutto modera le parole !! Poi ti vorrei dire caro encefalopiatto di andare a leggere tutti i commenti precedenti del tuo compagno di merenda che ha fatto sulla salernitana e le cattiverie che ha vomitato!! Adesso è bello essere positivi e salire sul carro dei vincitori!!!!? Io mi riferivo a quello.!! Quindi taci e non ti intromettere sulle cose che non ti riguardano e che non sai!!! Enzo da Salerno.

  4. Francamente? Mi sono divertito. È come se improvvisamente la squadra adesso giochi molto di più. Ieri sera con 2 gol non avremmo rubato nulla. Addirittura ho rivalutato Casasola. Bravi tutti e difesa ottima. Andiamo!!!!

  5. Pare che la società una volta portati in serie A dara’ a te e gli altri tifosi disonorati un cospicuo risarcimento per i 6 anni di serie B!!!! Poi dopo t accat tu in serie A e ci porti in Champions League!!!

  6. x Pietro da Salerno:
    1-io non sparisco da questo blog perché siamo in democrazia e dico quello che voglio;
    2-dietro una tastiera ci sei anche tu, ma questo conta poco, certamente non sarà il tuo gonfiare il petto e lanciare velate minacce a farmi paura e cambiare idea;
    3- io ho cambiato idea sul gioco della Salernitana, perché é evidente a tutti, tranne a qualche povero idiota (chi vuol intendere intenda…..), che la Salernitana di ieri sera non é quella della partita con il Cosenza o altre precedenti. ne prendo atto e spero, dal profondo del cuore granata, che quella di ieri sarà la Salernitana fino alla fine;
    4- ho parlato di gioco e di squadra, ma il mio giudizio sulla società non cambia, chiavica era prima e chiavica resterà, anche in Champions League.
    Tastierista orgoglioso

  7. Tu questa società la devi solo ringraziare perché senza di loro a quest’ ora anziché commentare una squadra che si sta giocando la promozione in serie A stavi commentando il Piciolla !!!!

  8. Sempre così, la prossima partita sarà come quella di Empoli.Come vinciamo due partite subito crediamo che siamo i più forti e andiamo a Lecce a vincere.

  9. Alla fine dei conti le parole di Mezzoroma in un intervista di 6 anni fa coincidono alla.perfezione….abbiamo sforato di un anno
    ..nonostante tutto ….Solo Salernitana

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.