No al consumo al banco per bar e ristoranti, arriva circolare del Ministero

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa

Una circolare del ministero dell’Interno chiarisce che anche se bar e ristoranti riaprono a pranzo e a cena in zona gialla da lunedì 26 aprile, secondo quanto previsto dal nuovo decreto Covid, i clienti possono bere e mangiare solo al tavolo, negli spazi aperti a disposizione. Non è possibile invece ordinare e consumare al banco cibo o bevande. I locali al chiuso dovranno aspettare ancora per poter riaprire: la ripartenza per queste attività è prevista per il 1 giugno.

La circolare esplicita che è consentito “in zona gialla, lo svolgimento delle attività dei servizi di ristorazione con consumo al tavolo, esclusivamente all’aperto e nella fascia oraria compresa fra le ore 5,00 e le ore 22,00. Rimane esclusa, relativamente agli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande, la possibilità di consumazione al banco”.

Secondo i rappresentanti della categoria si tratta di un passo indietro rispetto alle regole per la zona gialla in vigore a marzo, quando appunto era possibile consumare al banco nei locali.

“È arrivata poco fa la circolare del Ministero dell’interno in cui viene spiegato che il consumo al banco nei locali è vietato. Sono molto amareggiato in quanto siamo tornati indietro rispetto alla norma che prevedeva consumo al banco in zona gialla quindi non si tratta di una riapertura verso la normale attività”, ha commentato Claudio Pica presidente della Fiepet-Confesercenti di Roma e vice presidente nazionale.

“Fino a ieri c’era un pò di confusione, la circolare del ministero di oggi è chiara: è vietato il consumo al banco. Così è un giallo mascherato di arancione“, ha sottolineato Pica.

Il decreto riaperture ha “un nome fuorviante, visto che il provvedimento, per i bar, si traduce in realtà in un inasprimento delle restrizioni”, ha detto ancora la Fiepet Confesercenti.

“Di fatto, da lunedì, per le imprese senza posti all’esterno sarà di nuovo zona arancione anche in zona gialla, visto che si impone il divieto di consumo all’interno dei locali, nemmeno in piedi al banco, fino a giugno”.

“Una norma da rivedere ed incomprensibile – afferma Giancarlo Banchieri, presidente nazionale delle imprese della somministrazione – oltretutto specificata con grave ritardo da una circolare del Ministero degli interni resa pubblica ad appena due giorni dalla supposta ripartenza”.

“Ci sentiamo presi in giro ci è stato detto che si riapriva prima, ma la realtà è ben diversa. E se prima per i bar si profilava, dopo il 30 aprile, la possibilità di tornare a lavorare almeno in zona gialla, permettendo ai clienti di consumare all’interno dei locali, ora con il decreto riaperture, paradossalmente, si resterà chiusi un altro mese”.

Fonte: Fanpage.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. ma che cazzo ha riaperto a fare allora? e meno male che questi soni i migliori!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Conte tutta la vita , solite cose all italiana quando sei nel meglio del tuo lavoro devi andare via

  3. Ministero, chi ci governa, dovete fare tutti una brutta fine ma soffrendo tantissimo

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.